PRATOCENTENARO vuole la sua piazza!

Un’idea, un gruppo Facebook, una raccolta firme, ora il bando del Comune: Prato Centenaro vuole la sua piazza!

prato centenaro

Photo Credits: Urbanfile

Pratocentenaro, zona a nord tra Niguarda e Viale Fulvio testi, è uno dei quartieri più antichi di Milano – se ne trova infatti già traccia in alcuni scritti del 1078 – ma rischia di essere dimenticato.

PRATOCENTENARO vuole la sua piazza!

Il quartiere e gli abitanti non si accontentano del mero nome della fermata della metro M5 ‘Ca’ Granda – Pratocentenaro’ al confine col distretto, vorrebbero una piazza intitolata.

E’ questa la proposta di cittadini e negozianti, con un gruppo Facebook ed eventi che promuove una raccolta firme. Ora la piazza è stata inserita nella lista delle aree oggetto di riprogettazione all’interno del bando del Comune di Milano ‘Piazze Aperte in ogni quartiere’.  Le aree e le proposte pervenute saranno oggetto di una prima valutazione e, qualora ritenute idonee, sarà avviata l’istruttoria tecnica.

Il luogo per la piazza Pratocentenaro in realtà è già stata identificata dai cittadini, ovvero nello spazio in cui convergono la Chiesa di S. Dionigi, le sedi di alcune associazioni aggregative e della Cooperativa con l’obiettivo di dar vita ad un polo d’interesse comune in cui potersi incontrare, far giocare i bambini, chiacchierare.

Un esempio di ricostruzione proposto vedrebbe la riqualificazione dell’incrocio – oggi utilizzato in modo indecoroso come parcheggio selvaggio – in un’area pedonale/ciclabile con verde e panchine.

 

Fonte: urbanfile.org
Credits: Urbanfile

Una piazza, una panchina, un monumento, esprimono una dimensione di comunità. Una voglia di aggregazione che i cittadini del quartiere Pratocentenaro non vogliono esplicitamente perdere.

Come recita il bando del Comune: restituendo gli spazi ai cittadini, questi potranno, con attività, incontri o anche semplicemente ‘vivendo’ l’area, tornare a dare senso compiuto al termine ‘piazza’ come luogo di relazioni del quartiere.

Che con il progetto arrivi finalmente la piazza Pratocentenaro? Resta poco tempo: la presentazione delle proposte di collaborazione scade alle ore 12 del giorno 20/11/2019!

 

SILVIA BOCCARDELLI

 

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Leggi anche:
* 10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
* Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
* Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
* Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
* “Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A [email protected]TATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi


Articolo precedenteComedy Special
Articolo successivoVoglia di Cocktail?
Silvia Boccardelli
Per gli amici 'Sissi'. Classe 1987, innamorata della Milano di ieri, di oggi e di domani. Laurea in economia, appassionata di digital marketing. La comunicazione non parte dalla bocca che parla, ma dall'orecchio che ascolta. Sogno un mondo sostenibile con città e cittadini responsabili, che governano la tecnologia. Quartiere: Segnano