Una notte da DIO: aperte le PRENOTAZIONI per la CHIESA di Milano trasformata in HOTEL di LUSSO

Ecco da quando si potrà soggiornare nel "chiesa hotel"


Un hotel divino, nel vero senso della parola. Sul sito si possono già prenotare i primi soggiorni, per dormire in una chiesa cittadina che ha cambiato il proprio volto stravolgendo la sua classica funzione. E dove poteva succedere se non a Milano?

Una notte da DIO: aperte le PRENOTAZIONI per la CHIESA trasformata in HOTEL di LUSSO

# Cristo Re: da chiesa abbandonata a hotel di lusso

Credits foto chiesa prima della riqualifica: blog.urbanfile.org
Prima e dopo

Della vecchia Chiesa di Cristo Re in zona Portello, da tempo abbandonata, è rimasto ormai solo un ricordo o meglio ne è stata preservata una buona parte della struttura ma per una funzione completamente diversa. A partire dal 2016, la NH Hotels ha deciso che quella chiesa abbandonata sarebbe diventata infatti un hotel da aggiungere alla sua collezione di alloggi super lussuosi. Così, lo stesso anno, iniziarono i lavori di riqualificazione oggi ormai terminati.


‌La Chiesa di Cristo Re è stata costruita ormai un secolo fa, ma già negli anni ’90 è caduta in disuso. Era stata progettata con uno stile neo-manierista e consacrata dal cardinale Schuster nel 1935. Non ebbe una vita particolarmente lunga, se si pensa anche a cattedrali costruite mille anni fa, ma, dopo 20 e più anni di non utilizzo, questa volta la Chiesa di Cristo Re potrebbe avere la sua rivincita.

# Il progetto di Quattroassociati per NH Hotels

Ristrutturazione Chiesa Cristo Re

Abbandonando il termine chiesa e chiamandola ora hotel, perché è quello che diventerà tra circa un mese, l’edificio in via Colleoni 14 è stato rivoluzionato dallo studio di architettura Quattroassociati.



Il nuovo progetto in realtà prevede che la struttura della chiesa sia quasi completamente mantenuta. La facciata è rimasta pressoché la stessa salvo il timpano che è stato rimosso, cambiando solamente intonaco. Gli spazi delle navate e, in generale, quelli adibiti alla preghiera sono stati trasformati invece nei luoghi di accoglienza dell’hotel. Una grande hall con receptionist e tutte le principali attività di accesso all’hotel. Immediatamente dietro la struttura originaria è stato costruito un edificio ex-novo, all’interno del quale si trovano tutti gli altri servizi del nuovo albergo di lusso milanese.

# Il Chiesa Hotel ha 185 stanze e una piscina sul tetto. Dal 16 maggio è possibile soggiornarci

Credits: idealista.it – Chiesa hotel

Dopo essere entrati in una hall pulita ma imponente, le stanze, ben 185, la sala congressi, il ristorante e la piscina con terrazzo sul rooftop sono tutti nel nuovo edificio di 14 piani. Sul sito è già possibile prenotare un soggiorno a partire dal 16 maggio. La NH Hotels ha fatto diventare la Chiesa di Cristo Re casa sua e casa dei suoi futuri ospiti. A due passi dalla vecchia fiera, la compagnia di hotellerie si aspetta un successo di proporzioni bibliche. 

 

Continua la lettura con: Gli HOTEL PIÙ PARTICOLARI della LOMBARDIA: 7 notti strane vicino a Milano

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.