La TRASFORMAZIONE di Milano dall’ottocento agli anni settanta: online 3000 FOTO d’epoca dell’Archivio Storico di ATM

Ripercorrono la storia di Milano e del suo trasporto pubblico, da fine Ottocento sino agli anni ’70

Visita a un deposito Atm

Ripercorrono la storia di Milano e del suo trasporto pubblico, da fine Ottocento sino agli anni ’70.

La TRASFORMAZIONE di Milano dall’ottocento agli anni settanta: online 3000 FOTO d’epoca dell’Archivio Storico di ATM

# Online il sito dell’Archivio Storico Atm

Lavori sui binari

Ha spento 90 candeline proprio quest’anno, ma ha ancora tanta voglia di viaggiare e far muovere milioni di passeggeri. Era il 22 maggio 1931 quando venne costituita l’Azienda Tranviaria Municipale, che nel 1965 cambiò il nome in Azienda Trasporti Municipali, fino a diventare Azienda Trasporti Milanesi il 1° gennaio 1999. 


Nell’anno del novantesimo che si sta chiudendo, l’Azienda di Foro Buonaparte regala a cittadini e appassionati una parte del suo album di famiglia. È infatti online il sito dell’Archivio Storico Atm, che mette in digitale al link archiviostorico.atm.it tremila immagini in bianco e nero. Si va dalla fine Ottocento dove si viaggiava con omnibus e tram a cavalli, fino ai quei primi anni settanta contraddistinti dal boom economico, dal traffico e dalle prime metropolitane.

# Il legame tra Atm e la città di Milano

Il Duomo di Milano

Tremila foto sono un grande patrimonio eterogeneo che testimonia inscindibile legame tra  Atm e la città di Milano. Il trasporto pubblico come elemento fondante l’identità cittadina e dei milanesi. Nell’enorme album fotografico digitale la storia viene ripercorsa scatto dopo scatto, osservando i quali si scorge l’inesorabile evoluzione urbanistica cittadina, il cambiamento di scorci, panorami, elementi urbani ma anche del “paesaggio umano”. 

# Le persone

Le persone sono infatti una sezione portante dell’album dei ricordi di casa Atm. Che non raffigura soltanto le proprie persone, e quindi manovratori, armatori, bigliettari (con la “r” come si chiamavano ufficialmente un tempo), macchinisti, controllori, operai. Ma anche passeggeri comuni che salgono in tram, scolaresche in visita alla centrale operativa, studenti che vanno a scuola e lavoratori che varcano i vecchi tornelli della linea 1 della metropolitana.  



# I mestieri sopravvissuti

Tram al deposito di via Messina

Nonostante il passare degli anni abbia cambiato molti elementi, le immagini rivelano che esistono ancora mestieri che sono sopravvissuti. Hanno resistito alla tecnologia, ai ritmi frenetici, alla automazione. Armatori, tranvieri, manutentori delle linee aeree, i cosiddetti trabattellisti, continuano oggi ad evolvere nella tradizione, tramandandosi di generazione in generazione.

# Centomila foto catalogate

È stato necessario un certosino lavoro di raccolta, catalogazione, documentazione e digitalizzazione per mettere on line a disposizione di tutti gli appassionati questo progetto. Ma soprattutto è la passione ad aver consentito di scegliere quelle emozionanti tremila immagini su ben centomila catalogate, tra negativi, stampe e diapositive. Parte delle quali non rimarrà per sempre celata. Sono infatti previsti prossimi step per implementare di nuove fotografie l’archivio, in particolare quelle della storia milanese più recente, dalla fine degli anni Settanta ai primi Duemila. 

Foto: Archivio Storico Atm

Continua la lettura con: La SABBIERA: il TRAM passe-partout, l’unico senza passeggeri di Milano

LEONARDO MENEGHINO

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Leggi anche: Più che una scommessa una certezza: Draghi al Colle

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.