LA RIVOLUZIONE di Metrovia per Roma: 7 nuove linee METROPOLITANE, 1 CIRCLE LINE e 12 linee di METROTRAM

Una rete estesa quasi 500 km, con 11 linee metropolitane totali. Ecco come può essere realizzata e in che tempi

Credits: metrovia.it - La mappa completa

Il progetto se implementato potrebbe trasformare tutta la mobilità della capitale e avvicinarla alle altre capitali europee in tema di trasporto pubblico. Ecco le caratteristiche del progetto e i tempi di realizzazione necessari.

LA RIVOLUZIONE di Metrovia per Roma: 7 nuove linee METROPOLITANE, 1 CIRCLE LINE e 12 linee di METROTRAM

# L’idea alla base del progetto “Metrovia”: riutilizzare le infrastrutture ferroviarie

Credits: metrovia.it – Rete attuale

La capitale ha bisogno di rafforzare e ampliare la rete di trasporto veloce, ad oggi due sole linee metropolitane più una terza completa al 70%, e solo 6 linee tranviarie su un territorio di quasi 1.300 kmq. Roma però non può focalizzarsi solo sullo scavo di gallerie, non tanto per la numerosità di reperti archeologici nel sottosuolo, quanto per la conformazione urbanistica troppo estesa e diradata che rende più oneroso la realizzazione di metropolitane sotterranee rispetto alle altre grandi capitali. 


Per questo Metrovia 2021, progetto sviluppato all’interno dello studio Arsena Architettura, si propone come un piano per rivoluzionare la mobilità della capitale attraverso un percorso più fattibile: riutilizzare le infrastrutture ferroviarie che attraversano Roma. Ecco in che modo.

# La nuova rete del trasporto pubblico romana con 11 linee metropolitane, compresa una circle line, e 12 linee di metrotram arriverebbe a 469 km di estensione

Credits: metrovia.it – Linee metropolitane

Il primo passo da compiere è rendere quattro tratte ferroviarie urbane del tutto indipendenti, senza incroci con gli altri treni, senza incidere sui traffici di Alta Velocità e lunga percorrenza, adeguandole ad un servizio metropolitano, connesso in un grande sistema di mobilità su ferro. A regime si arriverebbe a una rete di 207 km di estensione con 11 linee tra loro integrate: le 3 metropolitane esistenti, più la quarta linea D già prevista dal Pums, 6 nuove linee di servizio metropolitano ricavate sul percorso urbano dei treni regionali e una ferrovia urbana circolare.

Credits: metrovia.it – Metrotram

A questo si possono aggiungere 12 linee di metrotram per complessivi 185 km, attualmente ci sono 6 linee standard di tram in città per circa 36 km. La rete del trasporto pubblico di Roma conterebbe così 27 nodi di interscambio, 50 nuove fermate e un totale di 469 km di binari tra metropolitane e metrotram.



# Le tempistiche: 10 anni per costruire le metropolitane di superficie e la maggior parte dei metrotram, 20 anni per rivoluzionare il trasporto cittadino 

Credits: metrovia.it – La mappa completa

La realizzazione dell’intero sistema della rete del ferro si può completare in 20 anni. Nei primi 10 possono essere costruite le linee metropolitane di superficie e la maggior parte dei metrotram. In un primo tempo le linee M5, M7, M8 e M9 che richiedono solo normali tempistiche per l’adeguamento della linea, la costruzione delle stazioni, la progettazione e la produzione dei treni necessari. I restanti 10 anni servirebbero al completamento delle estensioni delle 4 linee linee metropolitane sotterranee.

Fonte: Metrovia

Continua la lettura con: A Roma tira vento di RIVOLUZIONE TIBURTINA

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo#Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest#Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul#Manila#KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico#BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteI 7 motivi perché CITTÀ TICINO si può considerare una METROPOLI
Articolo successivoLa città dei mille accenti
Fabio Marcomin
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.