L’ “Atlantide del lago”: il BORGO SOMMERSO riemergerà dall’acqua dopo quasi trent’anni

Ecco la sua storia e perché è rimasto ancora integro sotto l'acqua

Credits silviacamporesi IG - Careggine riemersa

Dopo il 1994 questo potrebbe essere l’anno nel quale l’invaso artificiale di Vagli nella provincia di Lucca sarà svuotato riportando alla luce l’antico Borgo di Careggine, fondato nel 1200 da alcuni artigiani. Ecco la sua storia e perché è rimasto ancora integro sotto l’acqua.

L’ “Atlantide del lago”: il BORGO SOMMERSO riemergerà dall’acqua dopo quasi trent’anni

# Si attende la conferma da parte delll’Enel

Credits silviacamporesi IG – Invaso di Vagli

Dopo il 1994 questo potrebbe essere l’anno nel quale, a seguito di alcuni lavori straordinari di manutenzione, l’invaso artificiale di Vagli sarà svuotato riportando alla luce l’antico Borgo di Careggine, fondato nel 1200 da alcuni artigiani arrivati dal bresciano in Toscana per sfruttare le miniere di ferro presenti in zona.

# Cosa c’è nascosto nelle acque del lago

Credits mentelocale.it – Careggine

Un aspetto spettrale delle costruzioni presenti, completamente integre grazie al materiale utilizzato per edificarle escluso i tetti deterioratisi per colpa dell’acqua, un paesaggio innaturale ma a tratti magico che permette ai visitatori di percorrere i viali in pietra e visitare le case, è il motivo trainante per visitare fabbriche di Careggine, una volta piene di vita e certamente di rumori tipici dei laboratori dei fabbri ed ora un paese dimenticato causa forza maggiore.

# Storia di un paese sommerso

Credits silviacamporesi IG – Careggine riemersa

L’invaso, riempito nel 1953 dopo che è stata completata la diga per lo sfruttamento dell’energia idroelettrica, è già stato svuotato 4 volte dalla sua creazione ma quest’anno pare sarà di nuovo visitabile e, si spera, di molti turisti che passeranno in zona non si faranno certo mancare questa emozionante escursione. Abbandonata nel 1947 ad inizio lavori fino al completamento della diga che sfrutta le acque del torrente Edron, Fabbriche di Careggine è un luogo unico della Garfagnana, zona ricca di storia e fascino oltre che caratterizzata da una cucina dai sapori inconfondibili. La zona è da sempre un catalizzatore che fino ad inizio pandemia ha mosso un flusso turistico importante. Segnarsi questo appuntamento è certamente fondamentale per chi desidera poter dire: io c’ero.

# Un’altra meraviglia del posto: la strada lastricata con secoli di storia

Credits chiara_paolucci IG – Via Vandelli

Da non dimenticare il fatto che proprio nella zona esiste la via Vandelli, una strada lastricata che collega Massa con Modena ed è totalmente percorribile a piedi e a cavallo. Un camminamento che attraversa luoghi incontaminati e collega alcune fabbriche, ormai abbandonate, che hanno fatto la storia della zona. Costruita per mettere in collegamento le due città fu percorsa per secoli da persone a piedi o a dorso di mulo, trainando i materiali necessari per la produzione di utensili, filati e altri manufatti che hanno caratterizzato l’economia della zona.

 

Continua a leggere con: Un DISASTRO secondo solo al VAJONT. A meno di 100 Km da Milano

ROBERTO BINAGHI

Riproduzione vietata ai siti internet che commettono violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


Articolo precedenteMarghera: la CITTÀ GIARDINO dichiarata di “notevole interesse pubblico”
Articolo successivoI 7 TUNNEL più straordinari del MONDO (immagini)
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.