Il Food District di Milano: 20 NUOVI RISTORANTI in un UNICO QUARTIERE

Un nuovo quartiere "a tema" nasce a Milano

0
Certosa District

Un nuovo polo per la ristorazione dinamica e sostenibile all’interno di un’area industriale in disuso ora in fase di rigenerazione. Lo sviluppo del progetto e le prime aperture.

Il Food District di Milano: 20 NUOVI RISTORANTI in un UNICO QUARTIERE

# Un nuovo quartiere a Milano: il Certosa District

Credits realstep – Certosa District

Nella periferia nord-ovest di Milano, tra via Varesina, via Mac Mahon e via Oriani, in precedenza sede dei gruppi Koelliker e Sandvik, sta sorgendo un “nuovo quartiere”: il Certosa District. L’area è oggetto da qualche anno di riqualificazione con uffici e spazi verdi e l’obiettivo della società immobiliare RealStep, che sta sviluppando il progetto, è quello di creare al suo interno un polo per la ristorazione dinamica e sostenibile: il distretto del cibo autentico, dei ristoratori, degli chef e degli imprenditori che amano la stagionalità, rispettano prodotti e ambiente e fanno anche tanta ricerca” come raccontato dal suo direttore generale spiegato da Vincenzo Giannico.

# Un’area complessiva di 100.000 mq di cui 6.000 dedicati a 20 ristoranti

Area Certosa District

La superficie interessata dal nuovo “quartiere” sarà inizialmente di circa 100.000 mq, con previsione di aumento in futuro. In questi aree industriali in disuso in fase di rigenerazione hanno trovato e troveranno spazio, oltre ad aree verdi e a multinazionali, anche uffici, spazi di co-living e 20 locali tra ristoranti, caffè e luoghi per il dopocena. Questi ultimi saranno distribuiti tra via Varesina, via Brunetti e via Giovanni da Udine e occuperanno 6.000 mq.

# Prime aperture nel 2023, il completamento nel 2026

Certosa District

Le attività di ristorazione saranno di brand già diffusi in città con metrature dei locali che varieranno dagli 80 ai 900 mq. Nei primi spazi riqualificati entro l’estate 2023 sono previste tre inaugurazioni:  Crosta (forno e pizzeria di Simone Lombardi e Giovanni Mineo), Loste Café (una bakery di Lorenzo Cioli e Stefano Ferraro entrambi formati a Copenhagen) e Lafa (cucina araba e mediorientale di Hippolyte Vautrin, titolare di Røst e Kanpai). A fine 2023 altre due aperture, le rimanenti entro il 2026. L’idea è quella, ispirandosi a Parigi, Copenhagen e New York, di creare eventi capaci di coinvolgere la zona grazia alla partecipazione di famosi esponenti di spicco della ristorazione.

Continua la lettura: I RISTORANTI in MOVIMENTO d’Italia

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare
Articolo precedenteMeglio che in UFFICIO: i LOCALI di Milano dove lavorare GODENDOSI la vita
Articolo successivoLa FORESTA che diventa BLU
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.