I segreti di CASA FELISARI, il palazzo più MISTERIOSO di Milano

Chi vive in Casa Felisari? "Fuoco", "Vento" e "Terra"

Credits: @talamascaxx IG

Passeggiando per via Settembrini è impossibile non lo abbiate notato. Basta alzare lo sguardo per imbattersi in un imponente palazzo in stile Liberty, la romantica e inquietante Casa Felisari. Sarebbe l’ambientazione gotica perfetta per uno dei film di Tim Burton, ma forse non tutti conoscono la sua storia, a tratti misteriosa.

I segreti di CASA FELISARI, il palazzo più MISTERIOSO di Milano

# Un palazzo romantico, ma dai dettagli inquietanti realizzato dal grande architetto visionario Arata

Credits: @monicafumagalli2561

Sull’angolo tra via Settembrini e via Boscovich si trova un palazzo romantico, dall’aspetto austero, con dettagli eccentrici e inquietanti.


In molti avranno capito che stiamo parlando di Casa Felisari, o Palazzo Pathè, un’estrosa creazione dell’architetto visionario Giulio Ulisse Arata, esponente della Belle Époque e dell’Art Nouveau a cui si deve anche l’altra bellezza Liberty a Milano, Casa Berri-Meregalli in via Cappuccini.

# Una commistione di stili che conferisce originalità e impatto visivo

Credits: Milano Segreta FB

Inquietante, ma terribilmente affascinante, Casa Felisari è stata realizzata tra il 1902 e il 1914 e il suo stile eclettico crea un perfetto ibrido tra il neoromantico, il decò e il liberty.

Con la sua facciata in mattoni a vista, questo scenografico palazzo spicca tra le costruzioni della zona.



Ma non solo. Ciò che attira ancora di più l’attenzione sono il bel mosaico di Galileo Chini all’ingresso della casa e gli elementi decorativi orientaleggianti e medievaleggianti che si uniscono a quelli a tema animale.

Dunque, una perfetta commistione di stili, materiali e decorazioni, come si era soliti assistere in quel periodo.

# Casa Felisari fu la sede della Pathè Cinema, ma poi rimase disabitata per molti anni

Credits: @pasquarana IG

Per alcuni anni, fu la sede della casa di produzione cinematografica Pathè. Infatti, una delle più antiche case di produzione francesi aveva scelto proprio via Settembrini 11 per avere la propria sede italiana.

Tuttavia, nel 1919 la Pathè Cinema dovette lasciare il palazzo per un ridimensionamento aziendale. Da allora, e per molti anni, rimase vuoto.

# Chi vive in Casa Felisari? “Fuoco”, “Vento” e “Terra”

Credits: @pasquarana IG

Ed è intorno a questo avvenimento che, nel tempo, si sono create molte supposizioni su uno dei palazzi più misteriosi di Milano.

Infatti, ora la casa sembrerebbe abitata, o comunque occupata, da qualcuno. A certe ore della sera le luci sono accese, anche se dall’interno proviene un silenzio tombale.

Ma è singolare e intrigante anche il citofono all’ingresso in via Boscovich. Non sono indicati i consueti nomi e cognomi degli inquilini, ma semplicemente “Fuoco”, “Vento”, “Terra”.

In molti hanno provato a citofonare per chiedere informazioni, nella speranza che qualcuno aprisse, ma con scarsi risultati.

Il mistero su chi viva nella Casa Felisari continua. Quindi, non resta che passarci davanti, ammirare gli elementi architettonici di grande pregio e continuare a fantasticare sulla sua storia misteriosa ed inquietante.

Fonte: blog.urbanfile.org

Continua la lettura con: La CASA di via Quadronno, il primo BOSCO verticale di Milano

ALESSIA LONATI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su [email protected] (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo#Madrid#Berlino#Ginevra#Basilea#SanPietroburgo#Bruxelles #Budapest#Amsterdam#Praga#Londra#Mosca#Vienna#Tokyo#Seoul#Manila #KualaLumpur#Washington#NuovaDelhi#HongKong #CittàDelMessico#BuenosAires#Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here