I GRATTACIELI del futuro sono in LEGNO: seguirà questa strada anche Milano?

Si costruirà a Berlino il grattacielo in legno più alto della Germania, Vediamo il progetto insieme ai tre esempi di grattacieli in legno più importanti del mondo

Credits: @madarkitekter

Mad arkitekter vince il concorso per la costruzione del grattacielo residenziale Woho a Berlino-Kreuzberg, posizionandosi all’interno di un mondo orientato al futuro grazie al legno. Se l’architettura punta letteralmente sempre più in alto con i suoi edifici da anni, è ormai chiaro che per poter continuare sia necessario rendere l’architettura più sostenibile.

Vediamo ora insieme la lista dei progetti presenti e futuri. Ci sarà posto anche per Milano?


I GRATTACIELI del futuro sono in LEGNO: seguirà questa strada anche Milano?

#Il grattacielo in legno più alto della Germania

Credits: @madarkitekter

Lo studio di architettura Mad arkitekter, con sede a Oslo, ha vinto il concorso per la costruzione del grattacielo residenziale WoHo a Berlino-Kreuzberg, in Schöneberger Straße.

Il progetto della compagnia norvegese ha convinto la giuria per avere inserito design rivoluzionario all’interno del contesto urbano come quello di Berlino, fondendosi perfettamente con l’ambiente e permettendogli così di posizionarsi in testa alla lista dei 14 progetti europei che gareggiavano con lui.

Secondo Jonny Klokk, architetto e partner responsabile di Mad Arkitekter, l’edificio sarà “un’interpretazione di un tipico quartiere di Kreuzberg, in formato verticale”.



# Il progetto

Credits: @madarkitekter

Il grattacielo di 98 metri, con i suoi 29 piani, sarà l’edificio in legno più alto in Germania. Solo il basamento sarà costruito in cemento armato.

Il 15% dei 18.000 metri quadrati di spazio è previsto per le infrastrutture sociali, il 25% per le attività commerciali ed il 60% per appartamenti in affitto, appartamenti in cooperativa e condomini.

Quello di Mad Arkitekter sarà un grattacielo aperto al pubblico; il primo piano offrirà infatti negozi e panetterie così come gli altri piani dell’area di base ospiteranno asili e scuole con mense e parco giochi. Sono previste anche strutture per i giovani come le aule studio, per non dimenticare i bar e le saune all’ultimo piano che daranno la possibilità alla vita di strada di salire di livello.

# Costruzioni verso l’alto per compensare la carenza di alloggi

Credits: @madarkitekter

A Berlino è in corso la discussione di costruire verso l’alto per compensare la carenza di alloggi, in un momento in cui i prezzi dei terreni sono in aumento. La residenza WoHo soddisferà il progetto di sviluppo verticale della città. Tuttavia, l’amministrazione del Senato non ha ancora annunciato la data di inizio della costruzione.

# I progetti di grattacieli in legno

Molti sono i progetti di grattacieli in legno, le nuove costruzioni puntano sempre più  in alto ma non è più un segreto che ci sia la necessità, per non dire il dovere, di creare edifici sostenibili.

I dati parlano chiaro: una grande percentuale dell’emissione di gas serra delle città sono provocate dagli edifici, percentuale spaventosa a cui va aggiunta anche la quantità di CO2 nell’aria che arriva dai materiali di costruzione.
L’utilizzo del legno  avrebbe come conseguenza la cattura di CO2 da parte degli edifici e la riduzione dell’inquinamento dell’aria.
Il legno unisce in sé tradizione e innovazione portando dei vantaggi unici; essendo molto leggero infatti, permette di avere delle fondamenta più piccole e va da sé che per costruire un edificio con questo materiale siano necessari macchinari meno rumorosi e più leggeri di quelli tradizionali.
Di conseguenza un palazzo in legno ha un’impronta ecologica fino al 75% inferiore rispetto a quella di un edificio tradizionale.
 
Vediamo alcuni dei progetti più importanti.

# MjosaTower

Credits: @woodexperience2021
Completata nel 2019, la Mjøsa Tower (o Mjøstårnet) è l’edificio in legno più alto al Mondo. Un grattacielo alto ben 85,4 m per 18 piani.
Sorge in Norvegia, vicino Oslo, grazie al progetto di Voll Arkitekter che crea un edificio simbolo della bioedilizia che si fa promotore della sostenibilità in architettura.

# HoHo

Credits: @handler_gruppe
Progettato per essere il più alto al mondo, HoHo è un grattacielo in legno alto ben 84 metri distribuiti su 24 piani. Nato a Vienna, è un’icona dell’architettura sostenibile.
Pensata come una piccola città verticale ospiterà uffici, appartamenti e un albergo.
 
Ideata inizialmente per primeggiare, presentandosi come la regina delle torri sostenibili, in corso d’opera si è dovuta scontrare con un altro edificio, anche lui in corso di realizzazione.
Alto solo 40 cm in più, il Mjøstårnet già citato sopra ruba il trono al grattacielo HoHo a quasi duemila chilometri di distanza.

# Tour Hyperion

Credits: @lieuxdevie_ldv
Disegnata dall’architetto francese Jean-Paul Viguier, alta quasi 60 metri, la torre Hypérion viene inaugurata a Bordeaux.
L’architetto definisci la costruzione a secco dell’edificio “rapida e pulita e particolarmente adatta alla costruzione in zone urbane e dense di popolazione”.
 
Questi sono solo alcuni dei grattacieli in legno presenti nel mondo; non mancano infatti progetti ancora più ambiziosi in via di costruzione a Vancouver, Australia, Tokyo e molti altri.
 
In questa lista non si legge però il nome di Milano, cosa aspettiamo?
 

Continua la lettura con :  La TORRE BOTANICA: il nuovo grattacielo che cambia COLORE in ogni stagione

ARIANNA BOTTINI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.