E’ nato il QUINTO OCEANO

Gli oceani non sono più 4: ne è nato uno nuovo

Credits: it.wikipedia.org Oceano Antartico

La data storica è l’8 giugno 2021. Da questo giorno è ufficialmente nato il quinto oceano: dopo il Pacifico, l’Atlantico, l’Indiano e l’Artico potremo finalmente definire il mare che circonda il polo sud come un quinto Oceano.

E’ nato il QUINTO OCEANO

# Un mare fondamentale per l’equilibro del globo

Credits: hdblog.it
Oceano Antartico

Questo serve ad identificare un mare unico per le sue peculiarità e l’ecosistema. Un mare che va curato, come gli altri, in quanto è fondamentale anche per l’equilibrio climatico del globo. Grazie alla caratteristica corrente, la Circumpolare Artica, gioca un ruolo primario nel trasporto del calore con il movimento, creatosi probabilmente 34 milioni di anni fa in corrispondenza del distaccamento della porzione di terra dall’odierno sud America. La corrente, che gira in senso orario, mantiene una bassa temperatura ad un oceano che risulta leggermente meno salato rispetto al comune mare.


# Un oceano che già esisteva da tempo

Credits: lescienze.it
Antartide

La National Geographic Society Geographer, per voce dello scienziato Alex Tait, commenta la notizia esaltando il risultato che conferisce a questo quinto Oceano un proprio status, che per gli studiosi esisteva da tempo senza che però vi fosse un riconoscimento ufficiale. Ora grazie ad un accordo internazionale è stato possibile dichiarane la nascita durante il World Oceans Day, proprio l’8 Giugno di quest’anno.

# E’ nato l’Oceano Antartico

Credits: it.wikipedia.org
Oceano Antartico

Nel 1953 la suddivisione dei mari comprendeva solo 4 Oceani, mentre per la porzione intorno al Polo Sud era riconosciuta come Mar Glaciale Artico dipendente dall’Oceano Pacifico. L’acqua più fredda e densa, che scorre verso il fondale al largo dell’Antartide, contribuisce a sottrarre parte dell’anidride carbonica dall’atmosfera, uno dei principali fattori del gas serra. Per questo motivo l’oceano Antartico ha un ruolo essenziale nella regolazione del clima terrestre e, grazie a questa sua caratteristica, oltre ad un ecosistema unico ha fatto sì che quest’anno si sia arrivati a riconoscere il suddetto mare come un oceano vero e proprio.

Fonti: hdblog.it



Continua la lettura: Nella METRO di Milano spunta l’OCEANO

ROBERTO BINAGHI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Leggi anche: La mafia usa i Bitcoin nelle nostre città

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.

 


Articolo precedenteNon c’è un diritto più diritto di un altro
Articolo successivoAnche ROMA ha i suoi GRATTACIELI
Roberto Binaghi
Nato a Milano il 25 agosto 1965. Sin da bambino frequento l’azienda di famiglia (allora una tipografia, ora azienda di comunicazione e stampa) dove entrerò ufficialmente a 17 anni. Diplomato Geometra all’Istituto Cattaneo a 27 anni e dopo aver abbandonato gli studi grafici a 17, mi iscrivo a Scienze Politiche ma lascio definitivamente 2 anni dopo per dedicare il mio tempo libero alla famiglia e allo sport. Sono padre di Matteo, 21 anni, e Luca, 19 anni. Sono stato accanito lettore di quotidiani e libri storico-politici, ho frequentato gruppi politici e di imprenditori senza mai tesserarmi, per anni ho seguito la situazione politica italiana collaborando anche con L’Indipendente allora diretto da Vittorio Feltri e Pialuisa Bianco (1992-1994). Per questioni di cuore ho iniziato a seguire il mondo del basket dilettantistico ricoprendo il ruolo di dirigente della società Ebro per oltre 10 anni e della Bocconi Basket FIP dal settembre 2019 (ruolo che ricoprirò anche per la prossima stagione). Nel corso degli anni ho contribuito allo sviluppo di alcune start-up e seguito alcuni progetti di mia ideazione che hanno come obiettivo la rivalutazione del patrimonio meneghino oltre che un chiaro interesse sociale.