Dalla Svizzera: “Milano è la CAPITALE MIGLIORE: mostra agli italiani quello che sarebbe possibile se solo lo volessero”

là dietro la svizzera (foto Andrea Cherchi (c) )
là dietro la svizzera (foto Andrea Cherchi (c) )

E’ uscito un articolo pubblicato su uno dei principali quotidiani svizzeri, il Tages Anzeiger di Zurigo, dal titolo: “Milano- la capitale migliore”.

Si tratta di un vero e proprio atto d’amore per Milano, con il riconoscimento di una grandezza che si contrappone al drammatico declino del resto del Paese.
Ecco qualche estratto dell’articolo.

“Milano è la MIGLIORE CAPITALE d’Italia”

“Milano è completamente sola, lassù nel nord Italia”

“Ci sono italiani che affermano che Milano non è Italia. L’Italia, che ama il barocco e il caotico ridicolo, inizia solo dopo il Po. Altri dicono di Milano che è un mix di nord e sud, una città che mostra agli italiani quello che sarebbe possibile se solo lo volessero”

“Sempre un passo avanti, sempre all’avanguardia, in tutto. “La locomotiva” del Paese: dinamici, rigorosi, severi con se stessi, quasi protestanti – al limite dell’eresia per la Madonnina. Solo Milano utilizza il potenziale creativo grandioso che si trova in Italia

“Milano si è reinventata negli ultimi decenni, lo si può vedere da lontano. Ha un nuovo skyline, massiccio e alto, molto non-italiano, un nuovo volto. Le torri di vetro e acciaio nei quartieri di City Life e Porta Nuova sono un urlo alla modernità, e sono solo l’inizio. Sono attratti in città architetti stellati e investitori dall’Oriente, anche perchè nella lunga crisi economica non c’era abbastanza capitale italiano per grandi opere. Il Bosco Verticale, il grattacielo totalmente verde dell’architetto italiano Stefano Boeri presso la stazione di Porta Garibaldi, è diventato un simbolo di rilancio”

“Mentre le belle e classiche città d’Italia sguazzano stanche nel loro antico splendore, Milano costruisce un nuovo quartiere, delle nuove linee della metropolitana, trasforma fabbriche abbandonate in centri culturali e ristoranti, e si prepara a rinnovare il vecchio sistema di canali dei Navigli”

“Roma e Milano, “le due capitali d’Italia”, come vengono anche chiamate, la capitale politica e quella economica del Paese, si stanno allontanando sempre più. Tutto ciò che Roma può fare, la rivale del nord lo può fare di meglio. Tranne solo una cosa: il passato. Milano era una volta una città industriale, ora è il centro della moda italiana, delle banche, dei media, del design, delle start-up. Mentre il resto del paese ha un problema con la “fuga dei cervelli”, come noi chiamiamo la partenza dei talenti, molti giovani da tutto il mondo vengono nelle università milanesi per studiare insieme ai giovani italiani”

“Quasi il venti percento degli stranieri vive a Milano, il doppio rispetto alla media nazionale. Ma la città apparentemente li integra facilmente. In nessun altro posto in Italia è più facile per gli stranieri costruire mezzi di sostentamento e avere successo che a Milano. E di quelli che non possono farlo si prendono cura decine di migliaia di volontari. Dopotutto, la metropoli in Lombardia non è solo ricca e snob, è anche la capitale del volontariato”

“Il quotidiano romano La Repubblica ha scritto di recente: “Milano non è un paradiso, è finalmente parte dell’Italia. Ma se vogliamo ricominciare da capo, dobbiamo cominciare da qualche parte, e Milano è un buon posto per questo“.
Ma di Milano non si diceva: avete solo la nebbia?”

Leggi l’articolo originale: Mailand die bessere Haupstadt (Milano la capitale migliore)

MILANO CITTA’ STATO

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA, COLLABORARE ALL’ESTENSIONE INTERNAZIONALE DEL PROGETTO EDITORIALE
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

Stampato Milano Città Stato

eBook Milano Città Stato

1 COMMENTO

  1. A Milano ci vivo da 25 anni, ( prima ero a New York) o solo dopo tutti questi anni ho capito che milano è l’ufficio d’Italia. Cioè si lavora e basta. Il resto non attecchisce, il tentativo di renderla umana è miseramente fallito. Le piste ciclabili un utopia, in una città dove insistono ottocenteschi binari e cavi dell’alta tensione sulle teste della gente. Come in tutte le grandi città si stanno creando dei ghetti, non ebraici, ma di poveracci appena arrivati. Arabi in viale Jenner, Latinos in Corvetto, cinesi in Sarai, neri in porta romana, per non parlate del bosco di rogoredo e di quarto oggiaro. Sotto le scintillanti torri di porta nuova vi sono centinaia di spacciatori, in corso Como, la notte fa paura. Gli impiegati sopravvivono, e i ciclisti di quei demenziali servizi “ delivery “ sono i nuovi schiavi. E poi, provate a distrarvi un attimo quando arriva il verde al semaforo.. volano insulti e minacce di morte.. la prima alla scala è diventata il red carpet dei chirurghi plastici, non sanno neanche chi dirigerà l’opera in programmazione. La cocaina impera tra gli ambienti borghesi e pseudo cool, consumata spesso in Porsche prese in affitto, da immobiliaristi d’assalto.. nei bagni dei ristoranti, quasi tutti stellati o infiocchettati Michelin, non si trovano più trattorie milanesi, nelle quali il Metre ricorda il nome dei clienti. La gente che ci vive deve fare almeno due lavori per rendere decente una vita vissuta in un quartiere come Brera, chiamata anche la piccola Mosca, piena di Russi.. che hanno fatto lievitare i prezzi di tutto. Il resto dItalia arranca perché tutto viene spostato a Milano, ma non è così veramente.. il turismo cresce nel meridione e il sogno dei milanesi più fighi è scappare al sud, al sole, circondati di bellezza. Puglia, Basilicata, Sicilia, e Sardegna del sud vivono un m momento ottimo, abbandonate dalla mafia, (trasferita a Milano e Roma) il sud adesso è un posto al sole garantito, pieno di umanità e bellezza, si vive bene con poco e si è felici per poco: basta quella luce a rendere felici. Gli Svizzeri dovrebbero restare Neutrali, come sempre, e non esprimersi sull’Italia. Ci vuole knowledge per farlo…

Comments are closed.