CROLLO delle VENDITE di CASE a Milano: i due motivi che potrebbero portare al CRACK IMMOBILIARE

Da un lato i prezzi continuano salire, dall'altro si riduce la platea dei possibili acquirenti

0
Credits: teamclienti.it

Nell’ultimo anno drastico calo delle compravendite. Da un lato i prezzi continuano salire, dall’altro si riduce la platea dei possibili acquirenti. Vediamo le due ragioni principali. 

CROLLO delle VENDITE di CASE a Milano: i due motivi che potrebbero portare al CRACK IMMOBILIARE

# Vendita in calo del 20% in un solo anno, prezzi su del 20% dal 2019

pixabay-OpenClipart-Vectors

A Milano si vendono sempre meno case. Nell’ultimo anno il calo è stato del 20%, da 15.660 a 12.488, confrontando il numero di compravendite della prima parte del 2023 e che quindi potrebbe essere peggiore alla fine dell’anno. Contestualmente il costo medio di un appartamento, in base a quanto risulta dai dati dell’Agenzia delle Entrate, è salito della stessa cifra percentuale dal 2019 ad oggi. Per un’abitazione di 80 mq servivano circa 350mila euro, quindi un costo al mq pari a 4.415 euro. La stessa casa costerebbe oggi 422.000 euro. Ma quali sono i motivi principali della brusca frenata nell’immobiliare a Milano?

#1 Rate dei mutui alle stelle

pexels-andrea-piacquadio

Il primo motivo è il brusco rialzo dei mutui. Nel 2019 con un 30% di anticipo si sarebbe pagata una rata di 890 euro, nel 2023 bisognerebbe aggiungere altri 20mila iniziali e pagare una rata di 1.444 euro. Senza contare il continuo aumento dei tassi di interesse deciso dalla BCE, arrivati a settembre di quest’anno al 4,5%. La situazione non è migliore per chi sceglie la soluzione dell’affitto, per una casa da 80 mq a Milano in base ai dati di immobiliare.it il canone è di 1.802 euro al mese.

#2 Stipendi reali in calo di oltre il 7%

Credits: teamclienti.it

Il secondo motivo è il calo degli stipendi. La platea di chi non può permettersi un’abitazione è sempre più ampia dato che la maggior parte di chi è in cerca ha una retribuzione pari o di poco superiore alla media nazionale mentre il costo della vita di Milano è sensibilmente più alto rispetto al resto d’Italia. Come riporta l’Ocse, inoltre, tra le grandi economie l’Italia è quella che nel 2023 ha registrato il calo dei salari reali, rapportati all’inflazione, più importante rispetto al periodo precedente la pandemia: -7,3% alla fine del 2022, -7,5% alla fine del primo trimestre 2023.  Siamo vicini all’esplosione di una bolla immobiliare?

Continua la lettura con: Il MERCATO di MILANO non è per GIOVANI: la MAGGIORANZA di chi compra CASE di PRESTIGIO è over 65, 1 su 3 è straniero

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare
Articolo precedenteA Milano il BISTROT dove si mangia il CIBO della LUNGA VITA
Articolo successivoMILANO sta perdendo la voglia di PEDALARE
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.