Come è strano DORMIRE in una CAPSULA nel centro di MILANO

Saranno gli hotel del futuro?

Credits: booking.com Ostelzz Milano

Non sono una novità per gli aeroporti, ma solamente poche città stanno abbracciando questo nuovo concept di ospitalità in una più larga scala, ampliandolo come format di hotel per la città. Si sta parlando del poter dormire in capsule, dove l’unica cosa che c’è è il letto e se va bene un tavolino dove poter appoggiare i propri oggetti personali. Forse si conoscono principalmente gli ostelli con capsule giapponesi, ma, in realtà, anche Milano ne ha uno.

Come è strano DORMIRE in una CAPSULA nel centro di MILANO

# Si pensava fosse un concept di ospitalità da adottare solo negli aeroporti

Credits: booking.com
ZZZleepandGo Malpensa

Si chiama ZZZleepandGo ed è forse stato il primo modello di ospitalità smart e veloce comparso in Italia, precisamente all’aeroporto di Malpensa. Si tratta di capsule dove poter dormire quando si è obbligati a trascorrere la notte in aeroporto, sicuramente più comode delle sedie in sala d’attesa. Tuttavia, sembrava una tipologia di soggiorno che sarebbe stata limitata ai passeggeri notturni dei voli in aeroporto. Non è stato così. Infatti, non solo in Giappone, ma anche a Milano è comparso un ostello in pieno centro che riproduce lo stesso concept: dormire dentro a delle capsule.


# Social Hostel: tecnologia e ospitalità

Credits: booking.com
Ostelzzz

Abbracciando la filosofia giapponese degli capusle hotel, Ostelzzz è il primo ostello che oltre ad un’ospitalità veloce utilizza la tecnologia per offrire un soggiorno migliore. Si chiamano social hostels e diffondono la filosofia dello “stare insieme” offrendo allo stesso tempo tutti i comfort necessari.

L’ostello milanese Ostelzzz è un edificio di 1100 metri quadrati distribuiti su 5 piani con 100 posti letto che si trova in via Giorgio Jan, fermata Lima. Le capsule, o micro-stanze, impilate una sopra e l’altra, contengono principalmente solo un letto; si potrebbe definire un nuovo modo di concepire i classici letti a castello di un ostello, garantendo però più privacy e sicurezza.

# Come funziona?

Credits: it.hotels.com
Area comune Ostelzzz

Ad Ostelzzz è quasi tutto virtuale: non c’è la reception e il check-in lo si fa da soli, non ci sono chiavi perché è l’impronta digitale ad aprirti la capsula e gli ospiti comunicano tra loro tramite un social network interno. In ogni stanza sono presenti luci a LED e schermi touch e ogni 6 cabine c’è un bagno in comune. Il punto forte di Ostelzzz è però la sua area comune: un intero piano dove poter giocare, chiacchierare, utilizzare il proprio PC o tablet, ma soprattutto interagire con gli altri ospiti.



L’obiettivo è quello di far diventare Ostelzzz nella zona tra Centrale e Porta Venezia il primo dei tanti. Milano, Londra, Parigi abbracceranno sempre di più questo nuovo modo di offrire ospitalità. Le condizioni necessarie per aprire nuovi ostelli di questo genere, però, sono: posizione ottima, preferibilmente in centro città, offrire i comfort di un hotel e rendere la tecnologia protagonista della proposta.

Fonti: siviaggia.it

Continua la lettura con: DORMIRE APPESI ad un MONTE: si può fare a poca distanza da Milano

BEATRICE BARAZZETTI

Leggi anche: Hotelturist (Th Resorts): società, azionisti, management

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here