C’è una STRASBURGO da FIABA tra le corti nascoste di MILANO

Un'altra delle bellezze nascoste di Milano: un angolo fiabesco, una piccola Strasburgo. Ma dove si trova? 

credit: Filomena Schiattone

Un’altra delle bellezze nascoste di Milano: un angolo fiabesco, una piccola Strasburgo. Ma dove si trova?

C’è una STRASBURGO da FIABA tra le corti nascoste di MILANO

Milano come una fiaba di Andersen. Ormai è risaputo che le cose più belle a Milano o svettano evidenti nel cielo, oppure si nascondono tra i vicoli e i cortili nascosti. Questa è una di quelle cose che appartengono all’ultima categoria: le bellezze meneghine che restano segrete a moltissimi turisti ma non solo, anche a tantissimi milanesi. Un angolo di città in cui l’atmosfera si fa improvvisamente fiabesca e anche i grandi possono tornare per un secondo bambini, rivivendo quelle sensazioni Nord Europee che si vivono attraverso i racconti di Andersen. Ma dove è possibile visitare questa piccola Strasburgo fiabesca?


# Una sorpresa inaspettata tra le mura di una palazzina Liberty

credit: tripadvisor.it

Con tutte queste restrizione imposte dalla pandemia, i musei sono ormai chiusi da mesi e agli amanti delle nuove scoperte, come me d’altronde, non resta che girovagare per la città in cerca di soprese inaspettate. Ecco, Via Enrico Toti 2 è davvero una di quelle sorprese che non ti aspetti ma che poi non vedi l’ora di raccontare ai tuoi amici e postare sui social. L’esterno inganna facilmente gli ingenui passanti, infatti l’edificio in cui la corte si nasconde – la Residenza Vignale – appare come una delle tante palazzine in stile Liberty disseminate per la città.

# C’era una volta… un principe austriaco innamorato di una bella milanese

credit: Filomena Schiattone

La facciata infatti combina elementi liberty milanesi, come ad esempio i putti, con delle decorazioni austriache. E anche questa, come tante altre fiabe, inizia con “C’era una volta”. C’era una volta un principe austriaco che si era innamorato così follemente di una giovane milanese da voler a tutti i costi risiedere nella sua stessa città. Preso dal desiderio il principe incaricò due famosissimi architetti –  Gattermayer e Adolf Loos – di costruire un palazzo per lui e per la sua servitù.

# Il fiabesco giardino. Una passeggiata a Strasburgo o un viaggio tra i libri di Andersen?

credit: Filomena Schiattone

Ma a contrastare l’eleganza delle zone destinate ai regali c’è il fiabesco giardino, che in origine era il luogo in cui risiedeva la servitù. Quando si supera la zona principale della Residenza e si entra nel cortile, si viene proiettati in un’altra dimensione: le finestre a golfo, la scuderia, gli intagli in legno scuro e le piante rampicanti, teletrasportano tutti i visitatori tra le vie di Strasburgo, mentre gli amanti della fantasia vincono un viaggio nei libri di Andersen.



Ad oggi è possibile non solo visitare la Residenza Vignale ma anche affittarla, visto che è una location esclusiva in cui poter organizzare eventi, matrimoni e meeting aziendali. Indubbiamente è perfetta come scenografia per i giorni speciali, ma qual è la cosa più bella di questo giardino segreto? Rendere favolosi anche i giorni ordinari.

 

Fonte: Residenza Vignale

Leggi anche: I segreti di CASA FELISARI, il palazzo più MISTERIOSO di Milano

ROSITA GIULIANO

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore