🔴 249 milioni contro 8 miliardi: ROMA MAGNA, a MILANO restano le BRICIOLE

Le risorse in arrivo nella capitale tramite il PNRR saranno più di 30 volte maggiori di quelle destinate al capoluogo lombardo

Ph. jacqueline macou (Pixabay)

Palazzo Marino chiede 249 milioni del Pnrr per nuovi bus elettrici, alla capitale promessi più di 8 miliardi per nuovi bus, metrò, tranvie, case, giubileo e turismo.

249 milioni contro 8 miliardi: ROMA MAGNA, a MILANO restano le BRICIOLE

# Milano chiede solo 249 milioni dal PNRR, nonostante un Pil di quasi 400 miliardi

Credits alessiobazzani.eu IG – Beppe Sala

Una vecchia filastrocca milanese fa impersonare ad ogni dito della mano un personaggio. Il primo è il pollice che, sbadatamente, cade nel pozzo. L’indice quindi lo tira su; il medio poi lo asciuga; l’anulare gli prepara una minestra (el fa la süppa) e infine arriva il mignolo che… la mangia tütta. 


Non solo le grandi fiabe, ma anche le storie popolari hanno una morale che il tempo non sbiadisce. Infatti anche oggi può accadere che chi raccoglie i frutti del lavoro è stato meno virtuoso e ha speso meno energie di chi ha seminato e lavorato duramente il terreno. 

Credits lineadirettaAtm – Bus elettrico

E Milano è quella che lavora duramente: ha un Pil di quasi 400 miliardi di euro, prima area in Italia e undicesima al Mondo, ed è sesta in Europa per investimenti stranieri dopo Londra, Parigi, Dublino, Madrid e Monaco di Baviera. Eppure dell’enorme torta del Pnrr chiede solo 249 milioni.

È la Giunta di Palazzo Marino che ha approvato una delibera che autorizza la presentazione dell’istanza per l’accesso ai fondi del Piano nazionale da destinare successivamente ad Atm per il programma di rinnovo della flotta e delle relative infrastrutture di ricarica. Nello specifico i fondi serviranno per acquistare, entro giugno del 2026, 350 nuovi autobus ad emissioni zero, con alimentazione elettrica o a idrogeno, adibiti esclusivamente al trasporto pubblico locale e alle relative infrastrutture. 



# Roma si prende oltre 8 miliardi di euro per bus, metro, ferrovie e Giubileo

Credits robertogualtieri IG – Roberto Gualtieri Sindaco di Roma

A Roma il pasto è decisamente più abbondante e variegato. E il conto finale assai più corposo: più di 8 miliardi di euro, paga Pantalone. Conto che, oltre all’antipasto (nuovi bus), comprende anche primo-secondo-contorno-dolce, ovvero nuove tranvie, metropolitane, edilizia residenziale e fondi per giubileo e turismo capitolino.

I danè che arriveranno sotto la madonnina permetteranno ad Atm di arrivare al 2026 con un totale di 510 bus elettrici (oggi sono 160 quelli in servizio su un totale di 1200 bus). 

Credits Photo by Teming Kang on Unsplash – Roma Termini

Al contrario il dettaglio del bottino della città eterna è decisamente più articolato. Saranno 3.696 i milioni per il finanziamento dell’infrastruttura della rete metropolitana e il rinnovo parco autobus (1,6 miliardi in tutto) e gli investimenti ferroviari e alta velocità (che supereranno i 2 miliardi di euro).

354 milioni andranno all’edilizia residenziale pubblica, mentre 1,3 miliardi sono destinati alle opere funzionali al Giubileo della Chiesa Cattolica nel 2025. Infine, ciliegina sulla torta, il ministro Garavaglia (lumbard della prima ora, con feudo a Marcallo con Casone) ha stabilito che vadano a Roma per il progetto Caput Mundi per una più efficacie distribuzione dei flussi turistici durante tutto l’anno.

Milano si alza da tavola molto leggera, pronta per continuare a lavorare. Roma, appesantita, necessita solo di caffè, ammazzacaffè e un pisolino ristoratore.

Continua la lettura con: ROMA chiede aiuto a MILANO per la gestione dei MEZZI PUBBLICI: il “numero 1” di ATM sarà in condivisione

LEONARDO MENEGHINO

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.