🔴 Draghi: AZZERARE il DEBITO di NAPOLI

Il premier firma il Patto per sanare un debito “monstre” da 5 miliardi

Credits comunedinapoli IG - Draghi a Napoli

Il premier firma il Patto per sanare un debito “monstre” da 5 miliardi.

Draghi: AZZERARE il DEBITO di NAPOLI

# Il “Patto per Napoli” per sanare il debito municipale da 5 miliardi di euro

Credits comunedinapoli IG – Draghi a Napoli

«Con questi fondi rilanciamo la città» annuncia il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi. E vorremmo ben vedere. Un gigante buco municipale da 5 miliardi di euro sta per essere sanato (leggi, cancellato) con un colpo di bacchetta magica. È stato il premier Mario Draghi a suggellare la magia, battezzandola come il “Patto per Napoli”


La firma è arrivata oggi, i napoletani la attendevano con ansia. Per questo motivo quando il Migliore è arrivato all’ingresso dello storico castello partenopeo e dopo essersi soffermato ad ammirare il cortile e le torri, è stato osannato da un lungo applauso. Un applauso decisamente interessato, che pare quello dei sudditi nella fiaba “I vestiti nuovi dell’imperatore”: nella favola di Hans Christian Andersen infatti il popolo applaudiva il passaggio del sovrano per i suoi abiti sfarzosi. Anche se questi, in un’occasione, risultassero trasparenti. L’imperatore incurante, continuava a bearsi del successo popolare, finché un bambino gridando «ma il re è nudo!» ha finalmente aperto gli occhi ai sudditi. 

# La città partenopea ha il più alto debito pro capite d’Italia

Credits radio_club_91_official IG – Gaetano Manfredi

I sudditi partenopei applaudono pure loro, come da copione. Sapendo bene che le promesse fatte dal sindaco Manfredi in cambio dei danèè («punteremo su riorganizzazione amministrativa, assunzione di personale giovane e competente, investimenti in opere e servizi. Dai napoletani ci aspettiamo una maggiore fedeltà fiscale, ordine e grande responsabilità») sono trasparenti e inconsistenti come i vestiti invisibili del protagonista della fiaba danese. 

Il primo cittadino della città partenopea d’altra parte sa benissimo le condizioni non certo meritevoli nonostante le quali si procederà alla cancellazione del debito municipale. «A Napoli abbiamo il più alto debito pro capite d’Italia – ha dichiarato Manfredi –  e grandi carenze in molti settori. Conseguenza di tutto ciò si riverbera nella scarsa capacità di gestire servizi essenziali». 



Leggi anche: 249 milioni contro 8 miliardi: ROMA MAGNA, a MILANO restano le BRICIOLE

# Mentre Napoli esulta, Milano non ride affatto

Credits italiadomanigov IG – Colao e Sala

Napoli esulta del dono arrivato dalla capitale. Mentre Milano non ride affatto. Nella città più sviluppata d’Italia i soldi escono verso le casse statali e faticano a rientrare. E non certo per coprire buchi e disavanzi storici. Ma per finanziare opere, infrastrutture e progetti che la città non ha mai smesso di portare avanti. Fa male da milanese sentire il sindaco meneghino sostenere che, con la diminuzione delle entrate e l’aumento dei costi generati dal covid e conflitto russo-ucraino, «siamo appesi a una decisione del governo» perché mancano 250 milioni per chiudere il bilancio del 2021. Imploriamo per avere briciole. Altrove recitano meglio. E il colpo di spugna è ben più consistente. 

Nella patria di Pulcinella e della pizza i numeri sono infatti ben più preoccupanti. Secondo quanto indica Il Sole 24 Ore è di 4.981.062.563 euro l’«esposizione finanziaria» del Comune a fine 2021. Che significano ben 5.430 euro ad abitante, ovvero cinque volte le entrate tributarie di un anno. 

Continua la lettura con: TRASPORTO PUBBLICO: NAPOLI spende il DOPPIO di MILANO

LEONARDO MENEGHINO

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.