🔴 Dal 18 maggio anche bar, ristoranti e parrucchieri? Saranno le regioni a deciderlo

Tra le attività che potrebbero riaprire dal 18 maggio ci sono il commercio al dettaglio, bar e ristoranti, centri estetici, parrucchieri. Restano per ora esclusi i cinema, i teatri, i concerti, le palestre e le piscine

Foto: Andrea Cherchi (c)

La fase 2 viene accelerata dall’incontro in videoconferenza tra i presidenti delle Regioni e il Governo, rappresentati dal premier Giuseppe Conte e dai ministri della Salute Roberto Speranza e degli Affari Regionali e le autonomie Francesco Boccia.
La novità è che dal 18 maggio saranno le Regioni a decidere cosa riaprire, assumendosi oneri e responsabilità. L’accordo prevede anche che il Governo possa intervenire in qualunque momento, se i dati lo richiederanno, per bloccare eventuali crescite dei contagi.


🔴 Dal 18 maggio anche bar, ristoranti e parrucchieri? Saranno le regioni a deciderlo

Ph. credits: Repubblica


A dichiararlo è il governatore della Liguria, Giovanni Toti: ”Conte ha accolto la richiesta di autonomia delle Regioni nella gestione della Fase 2. Dal 18 maggio si potranno quindi aprire le attività sotto la nostra responsabilità e in base alle esigenze del territorio. Il Governo farà le sue proposte che verranno integrate da quelle degli enti locali”.
Fino ad oggi tutti i provvedimenti per il contenimento del virus venivano imposti attraverso i decreti del Presidente del Consiglio, lasciando alle Regioni il solo spazio di intervento restrittivo. Ma la notevole diversità tra regione e regione, sia in termini di contagi che di economia, aveva spinto diversi governatori a richiedere un ruolo più attivo, che includesse anche quello di poter anticipare le aperture non ritenute a rischio sul proprio territorio. La tensione si era fatta ampiamente sentire a cominciare dai territori governati dal centrodestra come quelli di Fedriga e Kompatscher.

Ph. Credits: MAURIZIO BRAMBATTI/ANSA

Grazie a questo nuovo accordo le regioni potranno, quindi, intervenire sulle proposte del Governo, integrandole con interventi mirati e specifici.
Dice il Ministro Boccia: “Inizia la fase della responsabilità delle Regioni”. Resta, comunque, salva la possibilità del Governo di intervenire in ogni momento, in base all’andamento dei dati sulla curva del contagio e dei criteri definiti dalla circolare del ministero della Salute.

Tra le attività che potrebbero riaprire dal 18 maggio ci sono il commercio al dettaglio, bar e ristoranti, centri estetici, parrucchieri. Restano per ora esclusi i cinema, i teatri, i concerti, le palestre e le piscine, tutte attività in cui il rischio di assembramento è alto.

Entro venerdì il Governo predisporrà nuove linee guida nazionali, protocolli di sicurezza per i diversi settori, elaborati dal comitato tecnico scientifico in accordo con l’Inail.

BARBARA VOLPINI

Se vuoi contribuire anche tu ad avere una Milano più libera in una Italia più civile, partecipa a RinasciMilano e mandaci la tua proposta qui: RinasciMilano

MilanoperMilano: a Milano chi ha di più aiuta chi ha di meno. Dona anche tu e #aggiungiunpastoatavola di chi ne ha bisogno: www.milanopermilano.it

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato

 

Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi


close

I nostri articoli sono interessanti?

Da adesso puoi ricevere in email i nuovi articoli di Milano Città Stato... scegli tu la frequenza!

Facendo click sul bottone "Iscriviti" accetti di ricevere via email le newsletter di Milano Città Stato. I tuoi dati saranno trattati in conformità alla normativa GDPR (link privacy)