Quando i BAMBINI di Milano dicevano “Arimo!”

timeout

I bambini di oggi l’hanno dimenticato e usano altre parole, ma un tempo a Milano (e  nel resto della Lombardia e in altre zone del Nord Italia) non era inusuale sentire la parola “Arimo”. Ma cosa vuol dire, e perché veniva usata?

Se non avete dimenticato la vostra infanzia, potreste saperlo: “Arimo” era il modo in cui i bambini milanesi dichiaravano il “timeout”, la sospensione di un gioco. È la contrazione di “Arimortis” e, come molte altre parole milanesi, ha origine latina.


Secondo una versione, “Arimo” deriverebbe da “arae mortis”, ossia gli “altari della morte”: altari che, all’epoca dei Romani, venivano eretti sui campi di battaglia, in modo da onorare i defunti. Così come i bambini dichiaravano la fine di un gioco dicendo “Arimo”, questi altari segnavano il termine di uno scontro militare.

timeoutPiù probabilmente, però, la parola “Arimo” deriva da un’espressione utilizzata nel gioco dei dadi, molto in voga tra i Romani. Il giocatore, prima di lanciare i dadi, annunciava l’inizio del gioco dicendo “alea vivis” (ossia “dadi vivi”), seguito poi da “alea mortis” (“dadi morti”) quando il tiro era concluso. Nel corso dei secoli, “alea mortis” è diventato “alimortis”, poi “arimortis”, infine “Arimo”.

Cosa dicevano i bambini, per riprendere il gioco? Semplice: “Arivivis!



Continua la lettura con: 10 differenze della Milano di oggi con quella degli anni Novanta

VANESSA MARAN

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.