Sondaggio internazionale: l’Italia è il PEGGIORE PAESE al mondo dove LAVORARE

Per la prima risultiamo all'ultimo posto, superati anche dalla Grecia

Credits: internation.org - Expat 2019

L’Italia: una Repubblica fondata sul lavoro? La Costituzione risulta sconfitta anche solo nell’articolo 1. Questo un po’ lo avevamo capito ma diventa ancora più evidente dal confronto con altri paesi. E per la prima risultiamo all’ultimo posto, superati anche dalla Grecia. Ecco il quadro impietoso analizzato nel report italiano basato su il sondaggio Expat Insider.

Sondaggio internazionale: l’Italia è il PEGGIORE PAESE al mondo dove LAVORARE

Pubblichiamo traduzione del report italiano di “Inter Nations – Expat Insider 2019” –  Great Weather Can’t Make Up for Italy’s Stagnating Economy


# Per l’Indice Working Abroad l’Italia è all’ultimo posto dove venire a lavorare, siamo riusciti a superare anche la Grecia

Uno dei motivi per l’ulteriore declino dell’Italia – sebbene certamente non l’unico – è lo stato della sua economia: la maggioranza degli intervistati, il 58%, la valuta negativamente con una differenza eclatante di 40 punti percentuali in più rispetto agli intervistati di tutto il mondo. “L’economia è in gravi difficoltà e non ci sono prospettive“, secondo un intervistato russo.

Allo stesso modo, gli espatriati in Italia sono notevolmente meno soddisfatti del loro lavoro in generale: 49% di valutazioni positive contro il 64% a livello globale, delle loro prospettive di carriera, 29% contro 55%, della sicurezza del lavoro, 41% contro 59%, e per il loro orario di lavoro, 49% contro 62%. L’ultimo posto in Italia nell’Indice Working Abroad non è quindi sorprendente, anche se è la prima volta che l’Italia è peggiore della Grecia. (…)

# Non va meglio nei rapporti umani: l’Italia al 41° posto su 64 Nazioni per la facilità nel fare amicizia

È interessante notare che oltre un terzo, il 35%, afferma che i loro amici in Italia sono principalmente residenti locali, contro il 19% a livello globale, nonostante il fatto che l’Italia sia al di sotto della media per la facilità di fare amicizia locale, 41° su 64 Nazioni. Tuttavia, ciò può essere correlato al fatto che una quota superiore alla media, ovvero il 32% contro il 24% a livello globale, vive già lì da almeno 10 anni.



# Italian Dream? Siamo la penultima destinazione preferita, appena dopo il Kuwait

Index expat destination

Come meta preferita l’Italia è al penultimo posto, una reputazione peggiore c’e l’ha solo il Kuwait. Questo dato rafforza quello dell’indice complessivo che ci mette all’ultimo posto come luogo in cui ci sono le migliori condizioni per lavorare.

# Tra gli ultimi posti anche per i servizi all’infanzia

Il 21% degli intervistati che sta crescendo bambini in Italia non sono contenti, classificandoci al 31° posto tra le 36 destinazioni presenti in questo indice. Meno dei due terzi, il 66%, considera la propria vita familiare in generale positiva, rispetto al 79% a livello globale, e quasi un quarto, il 24%, attribuisce alle attività ricreative disponibili per i bambini un punteggio negativo, dieci punti percentuali in più rispetto al media che è del 14%. Un americano intervistato condivide questa valutazione “difficoltà a trovare e iscrivere bambini in sport e attività a causa di difficoltà linguistiche e informazioni limitate sui siti Web“.

# La qualità dell’istruzione è da metà classifica, va peggio nell’indice sulla vita familiare

L’Italia ha un risultato nella media per quanto riguarda la qualità dell’istruzione, posizionandosi al 33° posto, con quasi un quarto dei genitori espatriati, il 23%, che valutano questo fattore negativamente, contro il 16% a livello globale. Fa peggio nell’indice sulla vita familiare per quanto riguarda la disponibilità di assistenza all’infanzia e istruzione, siamo al 35° posto. Quasi la metà dei genitori espatriati in Italia, il 47%, non è d’accordo sul fatto che le opzioni di assistenza all’infanzia siano numerose e facilmente disponibili, 14 punti percentuali in più rispetto alla media globale del 33%.

# Il costo della vita è nella media, ma i redditi sono troppo bassi

L’Italia si posiziona al 33 ° posto per il costo della vita in generale, con il 43% degli espatriati che la giudica favorevole, contro il 47% a livello globale. Tuttavia, un intervistato tedesco ritiene che vi sia uno squilibrio tra reddito e costo della vita“. L’Italia si posiziona tra i primi 3 posti dell’indice delle finanze personali, 62 ° su 64 paesi: meno della metà degli intervistati, il 48%, è soddisfatta della propria situazione finanziaria, contro il 64% in tutto il mondo, e oltre tre su dieci, il 31%, affermano che il loro reddito familiare disponibile non è sufficiente a coprire tutte le spese di soggiorno, rispetto al 23% a livello globale. Oltre due su cinque, il 41%, ha un reddito annuo lordo inferiore a 25.000 dollari. Una percentuale ancora più elevata di espatriati lavorativi, il 46%, ritiene che il loro reddito da lavoro o da affari sia inferiore a quello che otterrebbero per un lavoro simile nel loro paese di origine, rispetto al 25% a livello globale.

# Anche la qualità della vita è peggiorata, solo la valutazione sul clima ha il miglior punteggio in assoluto. Pesa per gli intervistati la poco disponibilità di servizi digitali e l’instabilità politica

In passato, l’Italia poteva almeno compensare i suoi cattivi risultati per quanto riguarda il lavoro e la finanza con valutazioni medie sulla qualità della vita. Tuttavia, anche in questo indice, il paese registra un calo nel 2019, classificandosi al 49° posto, dopo un 43° posto nel 2018. Mentre gli intervistati adorano ancora il clima e il tempo – il 44% gli dà persino il miglior punteggio possibile, rispetto al 26% in tutto il mondo – questo non può compensare l’insoddisfazione degli espatriati per la loro vita digitale: in questa sottocategoria, l’Italia si posiziona tra i primi 10, e gli intervistati sono particolarmente insoddisfatti della disponibilità di servizi pubblici online, 25% di valutazioni positive contro 55% in tutto il mondo, del loro accesso a Internet ad alta velocità, 59% contro 75%, e opzioni di pagamento senza contanti, 62% contro 79%.

Inoltre, quasi la metà degli espatriati, il 48%, valuta la stabilità politica in Italia – che ha visto il primo governo di coalizione populista dell’Europa occidentale entrare in carica nel 2018 – negativamente, rispetto al 17% di tutti gli intervistati. Mentre il sondaggio Expat Insider 2019 è stato condotto a marzo, diversi mesi prima della crisi del governo di agosto, gli intervistati non erano già felici: “Non mi piace l’incertezza della situazione politica, poiché le politiche cambiano frequentemente“, condivide un intervistato americano. Nel complesso, gli intervistati sono leggermente meno felici della propria vita in generale rispetto alla media globale, 69% contro 74%.

FonteInter Nations – Expat Insider 2019

FABIO MARCOMIN

LA SCUOLA POLITICA DI MILANO CITTA’ STATO (Clicca per informazioni)

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

Milano, cosa aspetti?

Milano Città Stato: l'unica strada per diventare una Città Mondo#milanocittastato #rinascimilano #rigeneralitalia #diciamosìalfuturo

Publiée par Milano Città Stato sur Mardi 2 juin 2020

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato