SMART WALKING: lavorare viaggiando

Zaino in spalla e laptop in mano: la nuova frontiera dello smart working

credits: IG @smartwalking_official

Viaggiare senza smettere di lavorare è il sogno di molti e perché cambiare lo sfondo solo al desktop e non approfittare delle libertà che offre il lavoro a distanza? Zaino in spalla e laptop in mano, ecco il nuovo modo di lavorare in smart working o meglio… smart walking!

SMART WALKING: lavorare viaggiando

# Zaino in spalla e laptop in mano

credits: IG @smartwalking_official

Sono tantissime le opportunità che questa nuova modalità di lavoro offre a chi desidera cambiare la propria routine e una di queste è di certo la possibilità di scegliere dove lavorare. E per chi ha sempre desiderato di esplorare il mondo, ma senza rinunciare alla professione, non c’è alternativa migliore. In molti hanno colto la palla al balzo e hanno deciso di viaggiare con il proprio computer e cambiare lo sfondo al proprio lavoro. Un esempio è Davide Fiz che, con zaino in spalla e laptop in mano, ha scelto di fare il giro dell’Italia lavorando in smart walking.

# 2500 km lavorando immerso nella natura

credits: IG @smartwalking_official

Davide Fiz è freelance da oltre 11 anni e un grande viaggiatore appassionato di sentieri e cammini. Ormai si può considerare un esperto del lavoro flessibile da remoto e proprio conoscendone il potenziale ha deciso di provare a coniugare il suo grande amore per il trekking senza dover mettere in standby il lavoro.

È così che da marzo di quest’anno, Davide ha iniziato il suo smart walking, come lui stesso ha ribattezzato. Un percorso di 2500 km che durerà fino ad ottobre prevedendo 20 cammini per altrettante regioni dell’Italia. Un’impresa non da poco, che vedrà le giornate divise tra il lavoro e la scoperta del grande stivale. “Smart Walking porterà me, il mio zaino e il mio pc sui cammini delle regioni italiane. La mattina si cammina, il pomeriggio si lavora. La settimana lavorativa sarà una settimana di cammino, che sia il cammino a battere il tempo e che il lavoro arrivi quando, e dove, si fermano i piedi.”

# La ricerca dell’equilibrio tra lavoro e passione

credits: IG @smartwalking_official

Il programma prevede una camminata la mattina, con tappe di lunghezza media di 20Km e 4/5 ore di durata. Il viaggio partirà dal Sud Italia dal Cammino Materano, per poi spostarsi al Cammino del Salento e quello del Negro in Campania. Ora aprile prevede la Sardegna, poi si sposterà in Umbria, Lazio, Marche, Molise per proseguire in estate nel Nord Italia fino al Friuli. I mesi di settembre e ottobre saranno dedicati ai cammini, nuovamente a Sud, in Sicilia e Calabria.

Racconterò dei posti, degli incontri, di cosa dicono i paesi che attraverso, quale sapore ha l’Italia, di come stanno i miei piedi e se mi vogliono ancora bene, delle strategie che metterò in pratica per far convivere – in equilibrio – la mia passione e il mio lavoro.

L’originale avventura di Davide è sicuramente di grande ispirazione per tutti coloro che pensano di dover scegliere tra la propria professione e le passioni. E per chi desidera dare uno sguardo più da vicino a questa nuova possibilità, tutte le tappe e le curiosità di viaggio di Davide si possono leggere nel suo blog personale Smartwalking.eu. Hai già lo zaino in spalla?

Continua la Lettura con: All’ESTERO in SMART WORKING? I paesi che offrono più VANTAGGI per i NOMADI DIGITALI

SARA FERRI

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedentePOSTIAMO a Milano
Articolo successivoA NAPOLI c’è l’HOTEL più ALTO d’Italia
Laureanda in scienze psicosociali della comunicazione all’università Milano-Bicocca. Nutro da sempre un forte interesse per la psicologia, la filosofia e tutto ciò che riguarda la società. Sento il bisogno costante di comunicare, di scoprire nuove realtà e sono alla continua ricerca della bellezza collaterale. Per questo cerco di sperimentare ogni forma di espressione artistica, suono il basso in una band e amo viaggiare. Credo nella continua evoluzione e nel cambiamento e spero un giorno di poter contribuire a migliorare la vita delle persone anche attraverso la scrittura.