2 ABITANTI, 1000 GRADINI (senza ringhiera) per arrivare al mare: il comune più da BRIVIDI d’Italia

“Un borgo unico al mondo che domina il mare azzurro, ai confini tra realtà e fantasia"

Scalinata Grande (Monesteroli) Ph. @corrasimoni (IG)

A picco sul mare, tra boschi e vigneti, c’è un borgo molto suggestivo che quasi fa paura. Isolato, quasi disabitato ma quasi e raggiungerlo non è facile. Un borgo da brividi.

2 ABITANTI, 1000 GRADINI (senza ringhiera) per arrivare al mare: il comune più da BRIVIDI d’Italia

# Il paese “sul mare” con soli 2 abitanti 

Credits: @sharon_photo_
Monesteroli

Nascosto in una delle aree costiere più belle d’Italia, c’è un paesino ligure anche se non particolarmente turistico: non sono molti infatti quelli che si spingono a visitarlo. Si chiama Monesteroli e si trova ad ovest di Campiglia Tramonti, in provincia di La Spezia.

È all’interno del Parco nazionale delle Cinque Terre, ma a differenza dei paesi vicini non è molto frequentato. Anzi, qui, oltre a non esserci turisti, quasi non ci sono neanche gli abitanti. Monesteroli conta infatti solo 2 abitanti, rimasti soli soletti in un borgo quasi fantasma, che ha solo qualche casa abbandonata. Un tempo, nel borgo c’erano delle cantine dove si vinificava l’uva, oggi però anche questa attività è stata abbandonata, e alcune di queste cantine sono state trasformate in case di villeggiatura, per i coraggiosi turisti che decidono di raggiungere Monesteroli. E il coraggio è la costante per chi si avventura in questo posto. Già perché il paese si trova sul mare, letteralmente. E arrivarci non è affatto facile. 

# La “Scalinata Grande”: stretta e senza ringhiera per raggiungere il mare

Credits: foto di Selene Folli @gitefuoriportainliguria
Scalinata Monesteroli

Non è solo il fatto di essere un borgo fantasma a rendere Monesteroli non particolarmente attrattivo. Il paese è il punto di arrivo, o di partenza, di un sentiero molto suggestivo ma che mette paura a chiunque lo percorra.

Si tratta della cosiddetta Scalinata Grande, 1200 gradini ripidissimi, da percorrere facendo molta attenzione perché non c’è la ringhiera. Il sentiero si snoda tra vigneti e tratti a picco sul mare, ma ci sono pezzi dove bisogna stare molto attenti, anche perché i gradini si restringono. Questo sentiero a gradini ha una storia molto lunga, un tempo veniva percorso dai contadini con le gerle sulle spalle. Strano che non è mai stato reso più sicuro, ma forse è proprio la particolarità del cammino.

# Il FAI: “Monesteroli è un luogo tra realtà e fantasia”

Credits: @mario_cis
Monesteroli

Monesteroli fa parte anche dei “Luoghi del Cuore” del FAI. Quest’ultimo lo descrive come “Un borgo unico al mondo che domina il mare azzurro, ai confini tra realtà e fantasia. Soltanto il rumore della natura del vento e delle onde rompe il silenzio in questo borgo incantato, aggrappato alla roccia, sul filo del mare”.

Un paese molto suggestivo, ma per quanto bello, un po’ di paura la evoca. Se si guarda il rovescio della medaglia: dopo essere sopravvissuti a fatica alla scalinata si arriva in un borgo fantasma, dove il silenzio fa da padrone. E si gode la vista del mare che da Monesteroli è spettacolare.

Continua la lettura con: Il NUOVO SENTIERO tra i VIGNETI a due ore da Milano: l’alternativa “alcolica” al cammino di Santiago

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.