Le 7 STAZIONI più GRANDI d’Italia

Sono un punto di riferimento in ogni città del mondo. Ma quali sono le più grandi in Italia? La classifica con qualche sorpresa

Credits: zinnoman0

Sono un punto di riferimento in ogni città del mondo. Le stazioni della ferrovia. Ma quali sono le più grandi d’Italia per estensione di binari?

Le 7 STAZIONI più GRANDI d’Italia

#7 Firenze Santa Maria Novella: 19 binari

Google Maps – Stazione Santa Maria Novella

Considerata uno dei capolavori del razionalismo italiano, la stazione di Firenze Santa Maria Novella è situata in pieno centro città e si piazza al quarto posto in Italia per il traffico di viaggiatori. Nella classifica di grandezza è in settima posizione in classifica con 19 binari.

#6 Roma Tiburtina: 20 binari

La stazione Tiburtina, inaugurata nella sua nuova veste nel 2011 per i 150 anni dell’Unità d’Italia e intitolata a Cavour, è la seconda della capitale per passeggeri e la sesta a livello nazionale. A livello di grandezza si estende per 50.000 mq e con 20 binari si posiziona al sesto posto per estensione.

Leggi anche: A Roma tira vento di RIVOLUZIONE TIBURTINA

#5 Torino Porta Nuova: 20 binari

Credits: enrica IG – Stazione di Torino Porta Nuova

L’intera area della stazione ferroviaria di Porta Nuova a Torino si estende per 97.070 mq, il doppio della stazione Tiburtina pur avendo sempre 20 binari, e si pone in terza posizione a livello nazionale per numero di passeggeri che vi transitano ogni anno. Oltre a questo è capolinea dei treni ad alta velocità per Milano, Bologna, Firenze, Roma, Napoli e Salerno.

#4 Napoli Centrale: 23 binari

Credits: apples1604 IG – Stazione Centrale di Napoli

La stazione di Napoli Centrale è al settimo posto in Italia per numero di passeggeri oltre a essere il principale scalo ferroviario della Regione Campania e di tutto il Mezzogiorno. Si trova invece al quarto posto per grandezza, con 23 binari, risultando la più grande del Sud Italia. 

#3 Milano Centrale: 24 binari

Credits: mirkobozzato (pixabay)

Sorpresa! Milano si pone appena al terzo posto. Inaugurata nel 1931 su progetto dell’architetto Ulisse Stacchini in sostituzione della precedente stazione centrale del 1864 che sorgeva nell’attuale piazza della Repubblica, oggi è tra le più belle stazioni al mondo. In Europa è la stazione più grande per volumi, ma se si calcola il numero di binari si deve accontentare del terzo posto in Italia. Per flusso di passeggeri è seconda a livello nazionale dietro Roma Termini e prima di Torino Porta Nuova.

Leggi anche: La STAZIONE CENTRALE è la stazione più GRANDE d’Europa

#2 Bologna Centrale: 28 binari

Credits: stazionebolognacentrale IG – Stazione Centrale di Bologna

Quinta in Italia per dimensioni e volume di traffico viaggiatori, dopo Roma Termini, Milano Centrale, Torino Porta Nuova e Firenze Santa Maria Novella, la stazione di Bologna Centrale dal 2013 è la seconda più grande per numero di binari. In quell’anno sono stati infatti attivati 4 binari sotterranei dell’alta velocità, facendo passare la stazione del capoluogo emiliano da 24 a 28 scavalcando Milano. 

#1 Roma Termini: 32 binari e anche la più trafficata d’Italia

Credits: cose_da_ferrovia IG – Roma Termini

La stazione di Roma Termini è la più grande d’Italia, con i suoi 32 binari, nonché la più trafficata stazione ferroviaria e la quinta in Europa grazie ai circa 850 treni e 480.000 passeggeri che vi transitano ogni giorno, per un totale di circa 175 milioni di viaggiatori all’anno. La sua apertura al pubblico è avvenuta il 25 febbraio 1863 con il nome di Stazione Centrale delle Ferrovie Romane, mentre il suo nome attuale lo deve alle vicine terme di Diocleziano.

Continua la lettura con: Quando la stazione Centrale era nell’odierna piazza della REPUBBLICA

FABIO MARCOMIN

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteMilano Est o Milano Ovest?
Articolo successivoPONTE LAMBRO: il quartiere oltre la TANGENZIALE
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

2 COMMENTI

  1. Buonasera e complimenti per l’articolo.

    Mi è venuto in mente un solo appunto. Se vengono contati i 4 binari sotterranei della stazione di Bologna allora forse andrebbero contati anche i 4 binari sotterranei della stazione di Napoli (che in modo poco chiaro vengono denominati “Piazza Garibaldi” per distinguerli dai binari di superficie che vengono denominati “Napoli Centrale”).
    https://it.wikipedia.org/wiki/Stazione_di_Napoli_Piazza_Garibaldi

    Poi tutto dipende dalle “finalità” della classifica. Se si tratta di una classifica dal punto di vista “trasportistico” allora andrebbero considerati anche quelli in sotterraneo a rappresentazione del numero totale di passeggeri che viaggiano nell’intera località di servizio. Su Napoli ad esempio i servizi sono totalmente interscambiabili: fino al 2009 si faceva partire un certo numero di treni AV dai binari sotterranei mentre successivamente sono stati spostati integralmente su quelli di superficie, liberando capacità per i servizi metropolitani e regionali.
    Se si tratta invece di una classifica dal punto di vista strettamente “ferroviario” (intendendo l’estensione della stazione come entità del piazzale e del numero di enti di piazzale per la gestione dello stesso) allora andrebbero considerati solo quelli di superficie.

    Un saluto
    LD

  2. Perchè nell’elenco delle 7 stazioni più grandi d’Italia manca Venezia Santa Lucia? Per numero di binari non mi pare sia inferiore ad altre presenti in questo elenco

Comments are closed.