I paesi più LIBERI del mondo divisi in 10 FASCE. In che posizione è l’ITALIA?

La libertà è un principio fondamentale tra i diritti umani della civiltà contemporanea. Ma quali sono i paesi più liberi del mondo?

Credits: tgtourism.tv

La libertà è un principio fondamentale tra i diritti umani della civiltà contemporanea. Tutti gli Stati del mondo affermano di garantire questo diritto, seppure non tutti allo stesso modo. Ma quali sono i paesi più liberi del mondo? La classifica è stata misurata dalla Freedom House Organization, basandosi sugli orientamenti della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani della Nazione Unite.

I paesi più LIBERI del mondo divisi in 10 FASCE. In che posizione è l’ITALIA?

#Livello 10: Taiwan, Lituania, Bahamas e altri stati dei Caraibi

Credits: tgtourism.tv

Sebbene siano presenti alcuni livelli di corruzione a Bahamas e in Lituania, i due Stati sono stati elogiati per il rispetto di alcune libertà. Tra tutti spicca quella di stampa (nelle Bahamas), d’istruzione (a San Vincenzo), il processo democratico (in Lituania) e i provvedimenti nei confronti dei funzionati del governo corrotti (a Taiwan)


#Livello 9: St.Lucia, Kiribati, Palau e Marshall Islands

Credits: korldnomads.com – Kiribati

Riconosciuti anche loro per la libertà di stampa, si contraddistinguono per lasciare piena autonomia di fede religiosa (a Palau). Inoltre da sottolineare come nelle Isole Marshall e Kiribati ci sia un alto grado di libertà politica, lasciando libera espressione alle proprie idee anche a chi non si conforma con il governo.

#Livello 8: Micronesia

Credits: it.freepik.com

La Micronesia rientra nell’ottava fascia per la libertà di religione, di riunione, accademica, di associazione e per la parità dei diritti tra sessi, non così scontata in tutte le nazioni del mondo.

#Livello 7: Repubblica Ceca, Spagna, Cile e Tuvalu

Credits: annoallestero.it – Spagna

Questi quattro stati sono stati inseriti nella 7° fascia a seguito del loro sforzo nel garantire la libertà di stampa, la libertà di espressione a livello giornalistico (in particolare in Cile) e una vasta gamma di opzioni per i media dove soprattutto la Spagna ha concesso più libertà ai giornalisti. 



#Livello 6: Isola di Dominica, Estonia, Austria, Germania, Belgio e Regno Unito

Credits: lonelyplanetitalia.it – Estonia

La libera associazione politica nell’isola Dominica, la libertà di stampa in Estonia, la protezione costituzionale della liberà dei media nei 4 Paesi europei, sono i principali motivi per la quale questi stati rientrano nella sesta fascia della classifica dei paesi più liberi al mondo.

#Livello 5: Svizzera, Irlanda e Giappone

Credits: newassetmanagement.it

Ancora più liberi Svizzera, Irlanda e Giappone. La costituzione, atto normativo fondamentale che definisce la natura, la forma, la struttura, l’attività e le regole fondamentali di un’organizzazione è uno dei principi fondamentali di uno Stato. Ai tre stati che occupano la quinta fascia viene riconosciuta la protezione costituzionale della libertà di stampa e accademica ma anche quella di riunione. In particolare il modello federale svizzero garantisce i massimi diritti ai cittadini. 

#Livello 4: Barbados, Islanda, Portogallo e Danimarca

Credits: siviaggia.it

La libertà di opinione è uno dei principi fondamentali della Danimarca. L’Islanda si caratterizza invece per il più evoluto e libertario diritto a Internet, primo stato che riconosce tale diritto tra quelli elencati fino ad ora. La libertà di riunione e la libertà accademica sono garantite al massimo nel Portogallo e nelle Barbados.

#Livello 3: Uruguay, Nuova Zelanda e Australia

Credits: unops.org

L’Uruguay grazie al proprio sistema multipartitico e libero ma soprattutto per il basso livello di corruzione, riesce ad accaparrarsi il terzo posto. Al suo fianco troviamo l’Australia per un alto accesso a internet e la Nuova Zelanda invece per i suoi media liberi e indipendenti. Tre paesi che in generale salvaguardano al massimo la libertà in ogni sua forma per ogni cittadino. 

#Livello 2: Canada e Paesi Bassi

Credits: eta-canada.it

Si sfiora la perfezione nei paesi della seconda fascia: Canada e Olanda. Il Canada si aggiudica il secondo posto grazie alla sua lotta alla corruzione e per la tutela alla libertà dei media. Stessi principi sono fondamentali per i Paesi Bassi che sono stati premiati per un alto livello di protezione dei giornalisti. L’Olanda svetta anche non solo come libertà economica o quella relativa alle sostanze psicotrope ma anche come libertà nelle scelte di fine vita. 

#Livello 1: Norvegia, Svezia e Finlandia

Credits: stage4eu.it

La più alta forma di libertà e di civiltà contemporanea la sia raggiunge in questi tre paesi della Scandinavia. Norvegia, Svezia e Finlandia rappresentano un simbolo di libertà e di diritti civili: libertà dei media, protezione delle minoranze, trasparenza a livello governativo e presenza di fonti di informazioni indipendente. Inoltre è garantita la libertà religiosa e di cure mediche. Per gli amanti della libertà in armonia con i valori della comunità questi tre paesi rappresentano un motivo di grande ispirazione. A questo punto rimane da chiedersi: ci siamo dimenticati dell’Italia?

# L’Italia? Fuori classifica

Credits: ravennanotizie.itLa classifica è stata misurata dalla Freedom House Organization, basandosi sugli orientamenti della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani della Nazione Unite.

Purtroppo il grado di libertà esistente e tutelato in Italia nei diversi ambiti non risulta sufficiente per farla rientrare nelle 10 fasce di paesi “liberi”. Il ritardo dell’Italia forse rispecchia una tradizione di paese dove i cittadini risentono di una tradizione da sudditi di un sovrano o di un’autorità illimitata a cui affidare la propria vita, più che un luogo dove esercitare i propri diritti. Se si vuole entrare in classifica non resta altro che rimboccarsi le maniche e rivedere un po’ alcuni dei principi che devono essere alla base per rendere l’Italia uno stato modello. E speriamo che l’esempio di altri paesi sia visto come fonte di ispirazione per migliorare la vita e i diritti di tutti i cittadini.  

Fonte: italianiemigrati

Continua la lettura con La nuova classifica dei 10 STATI europei con le misure più RESTRITTIVE

MARCO ABATE

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore