Wall of Dolls: il MURO delle BAMBOLE e il messaggio che pochi conoscono

Un'altra opera nata a Milano che ha precorso i tempi (ed è stata imitata da altri)

0
2694
Ph. @la_lanteri IG

Nato come installazione artistica e divenuto simbolo contro i femminicidi e la violenza sulle donne, il Muro delle Bambole (in inglese Wall of Dolls) di Via De Amicis 2 ha acquisito tanta notorietà da diventare un modello di sensibilizzazione anche in altre città.

Wall of Dolls: il MURO delle BAMBOLE e il messaggio che pochi conoscono

# L’idea di Jo Squillo anni prima del #meetoo

Credits ragazzi__di__strada IG – Kandeggina Gang e Jo Squillo

Nel 2013 l’artista, cantante e conduttrice televisiva Jo Squillo ebbe l’idea di un’installazione artistica del tutto particolare per simboleggiare la sofferenza delle donne di fronte alla violenza: una griglia appesa ad un muro cittadino su cui affiggere foto di alcune delle vittime e bambole in stoffa, sul modello delle classiche pigotte. Alla realizzazione dell’installazione diedero il loro supporto 50 stilisti, 20 artisti e 30 associazioni no profit. In particolare le allieve della sartoria meneghina della Scuola San Giusto si impegnarono a realizzare un buon numero di bambole.

La scelta dell’artista di non chiudere l’opera in un museo, ma farla vivere in un luogo pubblico è stata voluta sin dall’inizio: portare le persone che passano e guardano a chiedere e quindi a riflettere sull’impegno da esercitare, quotidianamente, contro i femminicidi e la violenza.

# Il messaggio: Educazione Sessuale e Sentimentale nelle scuole

L’intento dell’installazione di Jo Squillo è duplice: simboleggiare la sofferenza e la tenacia di fronte alla violenza di decine e decine di vittime femminili ogni anno, ma anche lanciare un appello alle istituzioni. Come ha affermato l’artista: “L’iniziativa vuole mandare un messaggio ed un appello al Ministro dell’Istruzione per l’introduzione nelle scuole dell’ora di Educazione Sessuale e Sentimentale, perché solo con un cambio culturale si può fermare il Femminicidio”

# Milano apripista per i Wall of Dolls nel mondo

wall of dollsTra le prime città ad allestire un muro delle bambole, Milano ha fatto da modello di sensibilizzazione anche per altre città: tra i Wall of Dolls più noti vi è quello di Venezia, inaugurato da Donatella Versace in marzo 2019.

Continua la lettura con: Perché le porte di Milano si chiamano così?

LETIZIA DEHÒ

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Previous articleLo SCANDALO TAXI in ITALIA: se è servizio pubblico, le licenze devono essere LIBERE
Next articleAnche a Milano c’è CAMPO DEI FIORI
Classe 1999 e Milanese al 100%. Dopo la maturità classica, ho deciso di studiare filosofia. Nel tempo libero suono il pianoforte, pratico danza classica e coltivo la mia curiosità, che Milano mi permette di stimolare sempre di più.