La storia di Leon Wächter, dai Beatles al CIAK

Dietro ad alcuni dei più grandi eventi della musica e dello spettacolo milanese c'era sempre lui.

teatro ciak
L'ex cine-teatro Ciak

Leon Wächter, in arte chiamato Leo Wächter, nacque a Kolomyja in Polonia nel 1922. Profugo ebreo, scappò con la famiglia in Germania, ma quando Hitler prese il potere nel 1933 diventando Cancelliere, e col successivo inasprimento delle leggi razziali, fu uno dei primi ragazzini ad essere fermato per strada dalla Gestapo. La famiglia decise così di andarsene via e come meta venne scelta Milano, intorno al 1935, prima delle leggi razziali del 1938.

La storia di Leon Wächter, l’impresario del TEATRO CIAK

Nel 1938 Wächter fece un provino calcistico presso Internazionale Milano – Inter, ma fu bocciato per via delle origini ebraiche. Ad inizio guerra si unì presso i Partigiani Italiani Socialisti e miracolosamente riuscì a fuggire dai suoi carcerieri per ben 2 volte.

teatro ciakFinita la guerra, ebbe l’idea di creare un Cineteatro in cui si faceva pure avanspettacolo (cabaret).

Poco a poco questi eventi cabarettistici presero il posto dei film, finché iniziò ad organizzare eventi musicali Jazz&Rock, con i Beatles con i quali organizzò 3 concerti (Milano al Vigorelli, a Genova e a Roma), Jimi Hendrix, gli Who, Sammy Davis Jr, i Rolling Stonse, Emerson Lake&Palmer. Per non dimenticare Frank Sinatra.

Nel jazz abbiamo Herry Bellafonte nel 1958, Josefine Baker nel 1959, Paul Anka nel 1960. Portò anche il circo internazionale di Mosca e Pechino a Milano ed il balletto Beriozka a farsi ospitare alla Scala. Nel suo repertorio ha organizzato i campionati mondiali di scacchi e gli Harlem Globe Trotters di pallacanestro.

teatro ciak
Leon Wächter e i Beatles

Nel 1977 acquistò il Cineatro Ciak e si mise ad organizzare eventi, tra cui festival sui vari aspetti del cinema internazionale, tra cui i film dell’Est europeo, Bruce Lee ed il cinema di Hong Kong, la Bollywood indiana, repliche dei Festival di Cannes e di Locarno, ha presentato delle rassegne sui primi cartoni animati della Marvel e DC Comics in 16mm e super 16mm, oltre che spettacoli di cabaret con personaggi comici come Beppe Grillo, Walter Chiari, Paolo Conte, Paolo Rossi, I Gatti del Vicolo dei Miracoli, Beruschi, Teocoli, Greggio.

Difficile trovare un uomo così di impatto sulla scena artistica e degli eventi milanesi come Leon Wächter. Anche se il suo nome rimane poco conosciuto nella città che gli deve così tanto.

 

DANIELE VASTA

 

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Leggi anche:
* 10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
* Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
* Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
* Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
* “Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A [email protected] (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi