Chi era SAN VITTORE?

Ecco chi era e perché è uno dei simboli di Milano


San Vittore è dei santi più noti a Milano, uno dei simboli più riconosciuti, anche per il celebre carcere. Scopriamo chi era. E perchè intitolargli un carcere?

Chi era SAN VITTORE?

# Un soldato romano di stanza a Milano

Credits ilsantodelgiorno – San Vittore il Moro

In quanti conoscono la storia di San Vittore? Nato in Mauritania nel III secolo, Vittore il Moro è stato un soldato romano di stanza a Milano all’epoca di Massimiano. Fu sempre fedele al suo imperatore riguardo la sua vita civile e la disciplina militare, ma quando Massimiano fece avviare una delle ultime persecuzioni contro i cristiani Vittore si rifiutò di abiurare la propria fede e ne subì le conseguenze. La sua vita e il suo martirio vengono descritti da Ambrogio da Milano, nell’inno Victor, Nabor, Felix pii.  


# La sua tragica fine come martire

Credits Andrea Cherchi – Basilica di Sant’Ambrogio

In conseguenza al suo rifiuto Vittore fu quindi arrestato, minacciato di tortura e lasciato per più giorni senza cibo e bevande. Al cospetto dello stesso imperatore, continuò a proseguire nel suo rifiuto anche una volta condotto al Circo, subendo altre atroci torture. Scappato e dopo poco di nuovo arrestato, fu infine decapitato e il suo corpo ritrovato dal vescovo di Milano, come vuole la tradizione, e seppellito in uno sacello oggi incorporato nella basilica di Sant’Ambrogio.

# I luoghi intitolati a San Vittore

Credits Andrea Cherchi – Basilica di San Vittore al Corpo

Si deve soprattutto ad Ambrogio la diffusione del culto di San Vittore. Sono molti i luoghi a lui dedicati o che portano il suo nome, partendo dal quartiere tra Sant’Ambrogio e Solari che ospita il carcere cittadino intitolato sempre al santo. Le chiese e le edicole dedicate a San Vittore a Milano e nella diocesi ambrosiana furono così tante che la loro presenza viene considerata una prova dell’appartenenza di un territorio alla suddetta diocesi: san Vittore in Ciel d’Oro incorporato nella Basilica di Sant’Ambrogio, San Vittore al Corpo, la basilica di San Vittore a Rho e collegiata prepositurale a Corbetta e Arcisate, oltre a quelle scomparse sempre a Milano di San Vittore al Carcere, San Vittore al Teatro e San Vittore al Pozzo.

Continua la lettura con: Le 10 PAROLE in MILANESE con il SUONO più BELLO

FABIO MARCOMIN



Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità


Articolo precedenteFare colazione DENTRO AL TEATRO: si può fare a un’ora da Milano
Articolo successivoLa caduta degli dèi
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.