PALAZZO BRENTANI “racconta” la storia italiana

Questo palazzo storico in via Manzoni fu anche teatro di un illustre attentato


I mezzibusti dei personaggi famosi della storia italiana si mettono in mostra su questo  palazzo in via Manzoni, che fu anche teatro di un tentato omicidio illustre. Ecco la sua storia.

PALAZZO BRENTANI “racconta” la storia italiana 

# Sulla facciata di Palazzo Brentani sono scolpiti i mezzibusti di personaggi illustri della storia d’Italia

Credits wikipedia-Giovanni_Dall’Orto – Palazzo Brentani

Palazzo Brentani Greppi è un palazzo storico che condivide via Manzoni con il più famoso palazzo Poldi-Pezzoli. Il palazzo è conosciuto anche come Ca’ Brentana, per via di un sonetto dedicato da Carlo Porta. L’aspetto attuale è il risultato della ristrutturazione completata nel 1829 su progetto di Luigi Canonica, architetto che ha fatto le sue fortune a Milano. Nel 1935 è stato oggetto dell’ultimo restauro e oggi fa parte del percorso museale delle Gallerie d’Italia. 


La facciata, divisa da cornici in tre fasce, è misurata e ingentilita da tondi scultorei, caratteristici medaglioni neoclassici rappresentanti illustri uomini italiani, come ricordo e citazione del puro rinascimento. Nei tondi si trovano: Leonardo da Vinci, Alessandro Volta, Pietro Verri, Cesare Beccaria, Antonio Canova, Giuseppe Parini.

# Il balcone “obbligatorio” per assistere a sfilate e processioni fu teatro del tentato omicidio di Carlo Alberto

Credits it.latuaitalia.ru – Palazzo Brentani

Il portone di Palazzo Brentani, come ogni palazzo nobiliare affacciato sui viali principali, è sovrastato da un balcone. Un tempo era d’obbligo perché bisognava assistere a parate e alle sfilate.

Il balcone del palazzo è stato protagonista del risorgimento italiano quando il 4 agosto 1848 fu teatro del tentato omicidio di Carlo Alberto. Reduce dalla sconfitta nella battaglia di Custoza il Re si sporse dal balcone per placare la folla, radunata in strada per protestare contro l’imminente armistizio con l’Austria: un colpo di fucile lo schivò di un soffio.



 

Continua la lettura con: Palazzo CICOGNA, l’ultima “grande casa da nobile”

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


Articolo precedenteIn ITALIA c’è un’ALTALENA che ti porta in una CASCATA
Articolo successivoIl nuovo GRATTACIELO ART DÉCO di New York
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.