Milano come Londra. Con i TRAM a DUE PIANI invece dei bus

Ripercorriamo i tempi di quando Milano guardava in alto anche nei mezzi pubblici


La magia dei tram milanesi è conosciuta in tutto il mondo, ma non molti sanno, nemmeno a Milano, che una volta c’era una linea con mezzi a due piani, proprio come i bus di Londra. Non erano mezzi turistici, nonostante offrissero uno stupendo panorama, erano trasporti di linea, ma la loro vita fu breve..

Ripercorriamo i tempi di quando Milano guardava in alto anche nei mezzi pubblici. 


Milano come Londra. Con i TRAM a DUE PIANI invece dei bus

# Giganti su rotaie

A Milano i tram elettrici di una volta erano alti il doppio. Elettrici e pesanti questi veicoli percorrevano un tratto che dalla metropoli raggiungevano Monza. I doppi tram erano di grandi dimensioni, alti poco meno di 5 metri e larghi 2,5 per 10 metri pesavano circa diciannove tonnellate. La produzione di questi colossi della strada iniziò nel 1900, inizialmente erano elettrici e portavano il nome di Tram Edison, numerati in serie da 405 a 414. I dieci mezzi furono poi motorizzati per far fronte all’aumento del traffico milanese che aveva invaso le strade milanesi, operazione fatta tra il 1913 e 1919.

Credits: Milano sparita e da ricordare, FB (foto di TIBB)

leggi anche I 4 TRAM di Milano UNICI al MONDO 

# Cambi di look

Il sistema elettrico che muoveva questi colossi era curato dalle aziende General Electric e Tecnomasio Italiano Brown Boveri, mentre la sua costruzione a livello meccanico era a cura di Edison. Una particolarità dei primi mezzi era la livrea: formata da doghe di teak (legno molto duro di origine indiana) non verniciato. Questa intorno al 1910 venne rimossa per fare posto ad un nuovo rivestimento di gesso, mantenuto durante il passaggio a Stel (Società Trazione Elettrica Lombarda). Infine con l’arrivo di Atm i tram cambiarono aspetto, tingendosi di verde, come gli altri tram urbani e dotandosi del caratteristico disegno frontale a forma di scudo.



Credits: Milano sparita e da ricordare, FB

Leggi anche Le località più PICCOLE in Europa con il TRAM 

# La scomparsa nel 1966

Fu Stel che optò per la “decapitazione” della linea ferroviaria, rendendo i tram ad un piano solo. Ma i mezzi non sparirono, entrarono a far parte del circuito Atm con il nuovo nome di “tipo Monza” nel 1939. Con questa grande modifica strutturale iniziò comunque il declino dei tram a due piani.

Nel 1945 infatti gli antichi colossi, privati della loro altezza, vennero declassati ai collegamenti Milano-Corsico e Milano-Cinisello, poiché la loro capienza era ridotta rispetto agli altri trasporti dell’agenzia milanese, a causa della decapitazione. Nel 1948 ancora nove di questi trasportatori circolavano per la città, riducendosi a quattro nel 1957, per poi essere cancellati insieme alle linee Milano-Monza e Milano-Cinisello, nel 1966.

Credits: Milano sparita e da ricordare, FB

Leggi anche Le 7 più GRANDI RETI di TRAM del MONDO: sì, c’è anche Milano

Continua la lettura con La città dove si paga il BUS con i rifiuti di PLASTICA 

SARAH IORI

Copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità