LUOGHI CELEBRI di Milano che in realtà hanno un ALTRO NOME

Alcuni luoghi celebri di Milano il cui vero nome è sconosciuto o poco utilizzato dai milanesi

Credits: parkos.it

Spesso viene dato per scontato che i nomi dei luoghi più famosi in città siano corretti, perché tutti li chiamano così e perché sono conosciuti in questo modo. Ce sono alcuni però che hanno un nome completamente diverso. Ecco quali sono.

LUOGHI CELEBRI di Milano che in realtà hanno un ALTRO NOME

#1 Stazione Santa Francesca Cabrini

Credits: Andrea Cherchi – Stazione Centrale

Milanesi, turisti e chiunque arrivi o parta dalla Stazione Centrale è convinto che questo sia il suo vero nome. In realtà dal 2010 è intitolata a Santa Francesca Cabrini, fondatrice della congregazione delle Missionarie del Sacro Cuore di Gesù. Perché è stata intitolata a lei la Stazione di Milano? Perché è la santa patrona degli emigranti. 

#2 Cattedrale Metropolitana della Natività della Beata Vergine Maria

Credits: joecrupier (Pixabay)

Il Duomo di Milano, la più grande chiesa italiana e simbolo indiscusso della città, è conosciuto in tutto il mondo con questo nome. Anche se in realtà non si chiama così. La denominazione precisa è: Cattedrale Metropolitana della Natività della Beata Vergine Maria

#3 Parco Aldo Aniasi

Parco di Trenno

Se chiedete dove si trova il Parco Aldo Aniasi, difficilmente ve lo sapranno indicare. Più facile invece chiedere del Parco di Trenno, ad ovest di Milano, uno dei parchi più grandi di Milano con i suoi 50 ettari di estensione. Caratterizzato da prati delimitati da doppi filari alberati e piccoli boschi. In pochi sanno che il suo vero nome è cambiato dal 2012. Infatti in quell’anno è stato intitolato ad Aldo Aniasi, sindaco di Milano dal 1967 al 1976. 

#4 Parco Giovanni Paolo II

Credits: Urbanfile -Vetra M4

Uno dei parchi centrali e più frequentati della città è il parco Giovanni Paolo II. Mai milanese lo ha chiamato in questo modo. Più familiarmente si prosegue a nominarlo come “Parco della Basiliche” o ancora più come “Vetra“. Curioso che il luogo intitolato al Papa per il Giubileo del 2000 era in passato dove si bruciavano le streghe. Forse il richiamo è voluto?

#5 Giardini Indro Montanelli

Completiamo il trittico dei parchi famosi di Milano che hanno nomi sconosciuti o poco usati. Più nota dei precedenti è la dicitura di Giardini Indro Montanelli, anche se i milanesi lo chiamano sempre Giardini di Porta Venezia, il piccolo parco dove il grande giornalista di Fucecchio usava fare le sue passeggiate. 

#6 Stadio Meazza

Credits Andrea Cherchi – Stadio Meazza

Per tutti i tifosi di Milan e Inter, e per quelli avversari delle due squadre di calcio milanesi, lo stadio ha un solo nome: San Siro, come il quartiere che lo ospita. In realtà questo era il suo nome dalla sua costruzione nel 1926 fino al 1980 quando fu intitolato alla memoria di Giuseppe Meazza, calciatore che ha fatto la storia del calcio milanese e italiano. Anche se i tifosi continuano ad andare a San Siro. 

#7 Aeroporto Enrico Forlanini

Credits: Andrea Cherchi – Milano Linate

Il nome di Milano-Linate, per la sua localizzazione nel quartiere di Linate del comune di Peschiera Borromeo, campeggia in bella vista sull’insegna che accoglie in viaggiatori pronti a varcare l’ingresso del city airport milanese. Nonostante sia conosciuto da tutti in questo modo, il nome ufficiale è Aeroporto Enrico Forlanini, dal nome del pioniere dell’aviazione e inventore. Ma nessuno a Milano dice di andare a prendere l’aereo al Forlanini. 

Continua la lettura con: 7 cose che TUTTI i MILANESI AMANO

FABIO MARCOMIN

Copyright milanocittastato.it

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.