La casa a METÀ di Via Giulini

Tra le stranezze di questa zona di Milano c'è una casa tagliata a metà. Quale sarà il motivo?

Credits cosestraneamilano - Casa dimezzata

Tra via Porlezza e Via Giulini sono raccolte alcune delle stranezze più inspiegabili di Milano. Una di questa è una casa tagliata a metà. Quale sarà il motivo?

La casa a METÀ di Via Giulini

# Una casa tagliata in orizzontale

Google maps – Casa dimezzata

All’angolo tra via Giulini e via Porlezza c’è una delle tante stranezze della zona, una casa dimezzata. Si tratta di una casa tagliata a metà in orizzontale, dove nella parte più alta, l’ingresso principale, è visibile il numero civico. Il cancello per accedere alla proprietà è ancora quello originale e dalle sbarre si può osservare l’interno, oggi poco curato e utilizzato come parcheggio privato.


Il motivo certo di questo “taglio” non è conosciuto. Con molta probabilità l’abitazione un tempo era abitata e durante la guerra è stata colpita dai bombardamenti. L’aspetto positivo è che grazie allo stato attuale della casa si ha una percezione di più ampio respiro della zona circostante.

 

Leggi anche: Le tre STRANEZZE di via Porlezza, la strada più bizzarra di Milano



Fonte: Cosestraneamilano

Continua a leggere con: La chiesa più CORTA di Milano è in via Giulini. E vanta anche un altro record

MILANO CITTA’ STATO

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.