Il PARCO urbano più PICCOLO di Milano

Tra i lussuosi giardini privati dei palazzi che si estendevano tra via Manzoni e Borgonuovo si trova il più piccolo parco pubblico della città

Credits: @land_landscape (INSTG)

In via dei Giardini, originariamente chiamata così per i lussuosi giardini privati dei palazzi che si estendevano tra via Manzoni e Borgonuovo, vi è il Giardino Perego, il parco urbano più piccolo di Milano.

Il PARCO urbano più PICCOLO di Milano

# Uno dei pochi superstiti dei giardini di Borgonuovo

Credits: @newyork_73
Giardino Perego

Il giardino fu realizzato alla fine del Settecento su volontà della famiglia che gliene dà il nome, i Perego di Cremnago. Si tratta di uno dei pochi superstiti dell’oasi verde che si era creata intorno al XVIII secolo per lo svago dei nobili che abitavano la zona. Ai tempi, infatti, ogni famiglia aveva commissionato un giardino adiacente al proprio palazzo, e così fece la famiglia Perego. L’abitazione di quest’ultimi risaliva al Cinquecento, ma durante la Seconda Guerra Mondiale è stata completamente distrutta a causa dei bombardamenti.


# Un giardino all’inglese 

Tornando al giardino, dopo aver commissionato i vialetti, una grande serra neogotica e la peschiera centrale. Già agli inizi dell’Ottocento la famiglia Perego cambiò idea e chiese a Luigi Villoresi di riprogettare il parco col nascente gusto romantico all’inglese. Le nuove collinette, radure e il corso di una roggia, la Molinara, cambiarono completamente aspetto al giardino. Con la costruzione della nuova Stazione Centrale, nel 1925, i collegamenti stazione-centro avevano portato alla distruzione di gran parte dei giardini di Borgonuovo, in favore di un nuovo sistema di vie che agevolava il raggiungimento del centro dalla stazione. Nel 1940 anche il superstite Giardino Perego vide le sue dimensioni ridotte, il Comune di Milano si accordò infatti con la famiglia proprietaria per la vendita di parte del parco da destinare a sede stradale. Allo stesso tempo, però, il Comune aveva acquistato parte del giardino da rendere pubblico.

# il dio dei giardini e della frutta

Credits: @newyork_73
Giardino Perego

Con i suoi 4183 m2, che paragonati ai 39 ettari del Parco Sempione sembrano nulla, il Giardino Perego è considerato il più piccolo parco pubblico milanese. Nonostante in passato vi erano molte statue che abbellivano la proprietà dei Perego, ancora oggi passeggiando è possibile vedere un’opera tardo settecentesca, la statua del Vertunno, dio dei giardini e della frutta. Nel parco vi sono chioschi e bar, presenti sia come strutture fisse che mobili, ma anche un’area giochi per i bambini. Non manca, inoltre, una zona dove poter fare attività fisica. In poche parole, nonostante la sua piccolezza, il Giardino Perego è un luogo perfettamente funzionale dove poter trascorrere un pomeriggio nel verde. Ciò che lo differenzia dai grandi parchi urbani della città è sicuramente la tranquillità che in esso si respira.

 



Fonti: Turismo.it

Continua la lettura con: In BICI nei PARCHI di Milano durante il LOCKDOWN: i 9 luoghi top per la Gazzetta

BEATRICE BARAZZETTI

iproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

 

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.