IL GIARDINO DELLE CULTURE: luogo iconico tra Expo e Milo

Uno angolo di aggregazione insolito nel cuore di Milano


Il Giardino delle Culture di via Morosini è un giardino condiviso nato dopo l’Expo del 2015. E’ stato realizzato al posto di un’autorimessa abbandonata, demolita anni fa: invece di realizzare un progetto immobiliare l’area è stata ripulita per renderla fruibile dai cittadini e la parete che delimita il giardino è stata ricoperta da un’installazione iconica di Milo, spesso soggetto di fotografie.


Le panchine del padiglione tedesco di Expo

La rinascita di questo luogo è avvenuta grazie ad un mecenate che ha deciso di donare 160.000 euro per dare nuova vita a questa piccola area abbandonata nei pressi di Corso XXII Marzo.

Oltre a alberi e percorsi di giochi per bambini dipinti sul pavimento sono state posizionate alcune sedute tra cui le panchine presenti nel padiglione della Germania durante l’Expo2015.

Giardino delle Culture
Credit: milanews.it – Giardino delle Culture

Il Giardino delle Culture ha fatto parte del “District Franco Parenti” durante il fuori salone con un’installazione container “la stanza del silenzio”, ha ospitato rassegne jazz, realizzato corsi per aggiustare biciclette e altre attività di condivisione come il cinema all’aperto.



La nuova vita dopo lo stop

A seguito dei primi 3 anni di operatività, il rinnovo della concessione per la gestione dello spazio ha subito un brusco stop a causa di contrasti inconciliabili tra le  associazioni che lo gestivano, ponendo fine all’accordo nel 2018.

Dopo qualche mese di abbandono, il Municipio 4 ha trovato un nuovo sponsor riunendo un altro gruppo di associazioni, alcune di loro storiche, per far rinascere nuovamente questo luogo di aggregazione.
La nuova gestione consentirà di ospitare servizi di sharing economy, svolgere una funzione di ‘conciergerie di strada’ attraverso la raccolta delle esigenze degli abitanti del quartiere, a cui si cercherà di dare una soluzione, ma sarà anche un collettore di segnalazioni di criticità da condividere con i servizi sociali.

Inoltre mostre, concerti, eventi culturali e formativi, cinema, moda, teatro tutto sotto la direzione artistica del designer Mario Prandina, che coordinerà anche l’arredo e l’allestimento artistico dello spazio.

FABIO MARCOMIN

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul#Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Leggi anche:
10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
“Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)


Articolo precedenteDrive me home
Articolo successivoIdentitari o banali? La classifica degli STEMMI dei municipi dal più bello al più brutto
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.