Il CAVALIERE DI OZMO e la Cascina più dadaista di Milano

Una delle opere più rilevanti della street art milanese su uno dei muri della storica Cascina Torchiera

cavaliere di ozmo
Credits: graffitiamilano.blogspot.com
Gionata Gesi, in arte Ozmo, è un autentico pioniere della street art italiana: nato a Pontedera, a due passi da Pisa, ha mosso i suoi primi passi da artista di strada proprio a Milano.
 
Le sue opere si caratterizzano per l’appropriazione e il sincretismo di immagini provenienti da molteplici immaginari e fonti iconografiche. Formatosi a fumetti, pittura accademica e writing, Ozmo si trasferisce nel capoluogo lombardo nel 2001 e qui, parallelamente a una ricerca pittorica portata avanti insieme al mondo delle gallerie, si ritaglia un ruolo da protagonista nella genesi della street art italiana, fino a diventare uno dei primi “graffitari” ad essere invitato ad esporre in spazi istituzionali.
 

Il Cavaliere Triste

La nostra città pullula dei suoi lavori, sparsi ovunque, dai luoghi più inaspettati a quelli più visibili (ne hanno parlato, tra gli altri, anche Repubblica e Rolling Stone). Ma, tra le tante, c’è una sua opera ad oggi ancora avvolta in un alone di mistero: stiamo parlando del Cavaliere della Cascina Torchiera. Il murale raffigura appunto un cavaliere armato, e con ogni evidenza afflitto, sopra un cavallo drappato di rosso.

 

 

Leggi anche: I più bei MURALES di Milano

Le migliori teorie trovano un rimando all’Orlando Furioso, il poema capolavoro di Ariosto dove il povero paladino, innamorato di Angelica negli antefatti del Boiardo, continuamente rifiutato cade nella disperazione, fino a perdere il senno e quindi ad impazzire completamente.

L’ipotesi sarebbe suffragata dal fatto che Ozmo lavorò già ad una mostra collegata all’epopea di Orlando: Donne Cavalieri Incanti Follia, organizzata dalla Scuola Normale Superiore e dal Comune di Pisa nel 2012, per la quale realizzò il murale Ritratto di PI.

Il misterioso Cavaliere di Ozmo sarebbe quindi proprio Orlando sulle soglie della follia.

 

La Cascina dadaista

cavaliere di ozmo

Difficilmente Ozmo avrebbe potuto scegliere un luogo più singolare per produrre quest’opera. Il Cavaliere si trova infatti su uno dei muri della storica Cascina Torchiera, spazio occupato dal 1992 quando un gruppo di ragazzi del quartiere decise di costituirvi un centro sociale, per dare luogo ad uno spazio di aggregazione e dibattito politico fuori dagli schemi all’interno del quartiere, affacciato sul Cimitero Musocco nel Municipio 8.

La Cascina, in passato al centro di attacchi quantomeno inconsueti, è quasi interamente ricoperta di murales, che, proprio come Ozmo, rimandano alle tradizioni e agli avvenimenti più disparati, per ritrovarsi lì: quando si dice spiriti affini

HARI DE MIRANDA

 

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

 

Leggi anche:
* 10 città stato del mondo che possono ispirare Milano
* E ora Milano Città Stato! Se non lo fa l’Italia, si può chiederlo all’Europa
* Milano Città Stato sarebbe un bene soprattutto per l’Italia
* Primo passo del consiglio comunale verso Milano Città Stato
* Corrado Passera: Milano Città Stato è il più interessante progetto che ci sarà in Europa nei prossimi anni
* “Proviamoci. Mi impegnerò personalmente”. Beppe Sala a Milano Città Stato

VUOI CONTRIBUIRE ANCHE TU A TRASFORMARE IN REALTA’ IL SOGNO DI MILANO CITTA’ STATO?
SERVE SCRIVERE PER IL SITO, ORGANIZZARE EVENTI, COINVOLGERE PERSONE, CONDIVIDERE GLI ARTICOLI, PROMUOVERE L’ISTANZA, AIUTARE O CONTRIBUIRE NEL FUNDING, TROVARE NUOVE FORME UTILI ALL’INIZIATIVA.
SE VUOI RENDERTI UTILE, SCRIVI A INFO@MILANOCITTASTATO.IT (OGGETTO: CI SONO ANCH’IO)

Milano Città Stato. Il grande sogno dei milanesi