COSE del PASSATO di Milano che OGGI sembrano FUORI di TESTA

Ci sono cose del passato di Milano che sembrano assurde anche solo da immaginare

Expogate

Ci sono cose del passato di Milano che sembrano assurde solo a ricordare. Le rievochiamo alcune. 

COSE del PASSATO di Milano che OGGI sembrano FUORI di TESTA

#1 Le piramidi di Expo2015 al Castello

Expogate

Prima e durante l’Expo2015 sono state operative due piramidi gemelle di metallo e vetro, gli ExpoGate, nel piazzale tra largo Cairoli e il Castello Sforzesco. Rimaste in piedi ancora per qualche anno al termine dell’evento, al loro interno si potevano acquistare i biglietti e gadget della manifestazione oltre a fungere da punto informativo. L’estetica di queste strutture hanno fatto storcere il naso a molti milanesi che le ritenevano fuori luogo e pure bruttine. Per un breve periodo si era ipotizzato anche di renderle permanenti ma poi si è deciso di smantellarle. 


#2 Milanesi con gli sci durante la grande nevicata degli anni ’80

Neve Milano

Tra le cose più assurde viste dai milanesi nel passato ci sono le persone che durante la grande nevicata del 1985 giravano per le strade della città sugli sci. Tutto di quell’evento storico è difficile da immaginare: la gente che spinge gli autobus per farli partire, giorni e giorni di bufera di neve, battaglie di palle di neve, scuole chiuse, palazzetti che crollano. 

#3 La coppa del mondo di fondo al Parco Sempione

coppa del mondo di fondo a milano
Coppa del mondo di fondo a milano

Sempre in tema di neve, una cosa del passato di Milano che oggi sembra fuori di testa è la Coppa del Mondo di scii di mondo del 2012 svolta in un anello di piste all’interno del Parco Sempione. Per alimentare il manto nevoso furono portati blocchi di neve e di ghiaccio dalla Valtellina. 

#4 Il “Mangiafuoco” in Duomo

@rivistailcantastorie – Mustafà Mangiafuoco

Fiammate di fuoco davanti al Duomo? Negli anni ’70 e ’80 Mustafa Ibrahim era una vera attrazione in piazza del Duomo. Fachiro, man­gia e sputa fuoco, si esibiva in numeri ad alto rischio attorniato da centinaia di curiosi osservatori.



#5 Le macchine lungo Corso Vittorio Emanuele

Milano sparita a da ricordare Fb- Auto in Corso Vittorio Emanuele

In epoca di pedonali e ciclabili è dura immaginare che un tempo le auto percorrevano Corso Vittorio Emanuele II e piazza Duomo. Solo dal dicembre 1987 è stato infatti vietato il transito.

Continua la lettura con: COSE ASSURDE viste sulla METRO di Milano

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteGIANNI MAGNI: il re del cabaret milanese
Articolo successivoI più bei GLAMPING d’Italia
Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia, ICT & Marketing è il mio background. Curioso del futuro e delle tecnologie più innovative: Bitcoin, cryptovalute e blockchain sono le parole che mi guidano da alcuni anni. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.