A Milano torna l’ARTE: le Gallerie d’Italia fanno sold out con il TIEPOLO

Dal Tiepolo alla Ricostruzione di Milano: l'arte riprende il suo posto nella vita quotidiana dei cittadini

Credits: @gallerieditalia

Dopo mesi di chiusura giovedì 4 hanno riaperto le Gallerie d’Italia di Piazza Scala a Milano e il responso non potrebbe essere più positivo. A dimostrarlo le persone fuori in coda in attesa di poter entrare per riscoprire, questa volta dal vivo, la mostra dedicata al Tiepolo.

A Milano torna l’ARTE: le Gallerie d’Italia fanno sold out con il TIEPOLO

# La riapertura con il Tiepolo

Credits: gallerieditalia.com

Dopo mesi di chiusura il 4 febbraio hanno riaperto le Gallerie d’Italia e il successo è immediato, tanti infatti quelli hanno scelto di prenotare una visita nel giorno d’esordio, accettando di attenersi alle misure previste.                                                                    Non sono però gli ingressi scaglionati o la misurazione della temperatura a rovinare l’atmosfera di questo giorno che segna il ritorno dell’arte nella quotidianità delle persone.


Per il museo milanese è stata prorogata fino al 2 maggio 2021, la mostra “Tiepolo. Venezia, Milano, l’Europa”, a cura di Fernando Mazzocca e Alessandro Morandotti, dedicata allo straordinario interprete del Settecento nei 250 anni dalla scomparsa.

In questi mesi la mostra è stata “visitabile” online, ma adesso è arrivato il momento di godersi dal vivo l’esperienza pittorica di questo grande artista italiano che con i suoi colori luminosi conquistò Venezia, Milano e l’Europa.

# Una Milano da ricostruire: dal dopoguerra alla pandemia

Credits: archivio Publifoto intesa Sanpaolo – Milano nel dopoguerra

Quella del Tiepolo non è l’unica esposizione prevista per questo periodo, le Gallerie propongono infatti anche la mostra “Ma noi ricostruiremo. La Milano bombardata del 1943 nell’Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo'” a cura di Mario Calabresi, prorogata  fino al 16 maggio 2021.



Da una parte la Milano devastata dai bombardamenti del 1943 e dall’altra la Milano resa quasi irriconoscibile dall’epidemia di Covid-19, questi i due protagonisti della mostra.        Ci sono immagini forti e significative della vita post-bellica, raccolte dai fotografi dell’agenzia Publifoto, messe a confronto con gli stessi luoghi immortalati durante il lockdown dell’inverno 2020 dal fotografo torinese Daniele Ratti. Un confronto questo, che oggi più che mai fa riflettere.

#Un nuovo inizio

Giovanni Morale, vicedirettore del museo di Intesa Sanpaolo, definisce questo successo una grande gioia, un’emozione per i cittadini e per gli operatori stessi.

Il 4 febbraio è stato anche il giorno della riapertura di tutte le Gallerie d’Italia, non solo a Milano.                                                                                                                        Le tre Gallerie d’Italia di Milano, Vicenza e Napoli riaprono al pubblico tutte insieme facendo riscoprire agli italiani la bellezza e l’emozione di ritrovarsi davanti alla grandi opere del nostro paese.

Fonti : askanews.it

Continua la lettura con : I 7 MUSEI con le ARCHITETTURE più STRAORDINARIE del mondo

ARIANNA BOTTINI

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.