22 febbraio 2016. Wine-sharing: il nuovo aperitivo di Milano

0

Quando: Ecco il programma
LUNEDì 22 FEBBRAIO. Barolo Cavallotto Riserva Bricco 2004 – 25,00 euro pax
LUNEDì 29 FEBBRAIO. Oasi degli Angeli, Montepulciano Kurni 2013 – 18,00 euro pax
LUNEDì 14 MARZO. Chateau de Pommard 2004 – 17,00 pax
LUNEDì 21 MARZO. Amarone Trabucchi Riserva 2004 – 19,00 euro pax
LUNEDì 4 APRILE. Le Macchiole Scrio 2011 – 18,00 euro pax
LUNEDì 11 APRILE. Henri Boillot Corton Charlemagne Grand Cru 2008 – 36,00 euro pax
LUNEDì 18 APRILE. Champagne Bruno Paillard NPU 1999 – 45,00 euro pax

Dove: Bicerìn, via Panfilo Castaldi 24

Costo: dai 18 ai 45 euro

Condividere la stessa, pregiata, bottiglia di vino in sei persone. Farlo sapere a tutti sui social network. Fare community. Dare vita ad un nuovo modo di intendere l’aperitivo milanese: in enoteca, in condivisione.

Il Bicerìn di via Panfilo Castaldi inaugura stasera un appuntamento di-vino: Wine-Sharing.

(Quasi) tutti i lunedì di febbraio, marzo, aprile 2016 si potranno degustare etichette D.O.C. a prezzi democratici. Sì perché, il gioco sta tutto nel “formare il tavolo” prenotando su Facebook – info@bicerinmilano.com – Tel. 02/84258410
www.bicerinmilano.com.

5 ragioni per cui mi piacerebbe andarci?

#1 assaggiare un vino prezioso che da solo non potrei permettermi
#2 incontrare nuove persone
#3 finalmente un aperitivo diverso dal solito
#4 è un nuovo modo di intendere l’happy hour
#5 è la prima volta di una cosa nuova

5 cose che mi piacerebbe trovare?

#1 qualcuno che mi spieghi il vino che sto bevendo
#2 bella gente che cerca un’alternativa ai soliti lunedì
#3 parcheggio per arrivare in tempo (alle 20.00 si comincia!)
#4 bei compagni al tavolo di lavoro
#5 un buffet abbondante e goloso

Per info: http://www.bicerinmilano.com/wine-sharing-bicerin/


Articolo precedente24 febbraio 2016. Subsonica in concerto al Fabrique
Articolo successivo10 idee per accelerare l’ECONOMIA di Milano
Paola Perfetti
Giornalista, content editor, pr, social media manager. Dopo aver avviato alcune start up editoriali ho preso l'arte – in cui sono laureata – e non l'ho messa da parte: nel 2009 ho fondato Milanoincontemporanea.com. Perché sono innamorata cotta di Milano.