RICCIONE: nell’ex tempio della musica elettronica nasce il MUSEO DISCOCRATICO

Il primo museo italiano all'interno di una discoteca

Credits: artribune.com MUDI

Era considerata una delle discoteche più famose d’Italia e sicuramente inserita tra le più belle della riviera romagnola, oggi nello stesso posto è nato un museo.

RICCIONE: nell’ex tempio della musica elettronica nasce il MUSEO DISCOCRATICO

# MUDI: il primo museo italiano che unisce l’arte al mondo di una discoteca

Credits: artribune.com
MUDI

Chiuso dal 2019, quello che era ed è tutt’ora il tempio della musica elettronica è stato trasformato in un museo, o meglio. Si chiamerà MUDI il primo MUseo DIscocratico italiano e aprirà proprio nella discoteca più famosa di Riccione, il Cocoricò. Frequentato da tutti e centro della movida romagnola, il Cocoricò è stato oggetto di un crowfunding per ultimare la ristrutturazione e lanciare un’idea particolarmente innovativa: un museo dentro ad una discoteca.


Coerentemente con quello che è lo spirito del Cocoricò, ovvero divertimento e musica, il nuovo museo sarà all’insegna del digitale. Videoarte, performance live, musica dal vivo, pittura, scultura, fotografia e teatro saranno accolti nel nuovo spazio inserito nella discoteca. Inoltre, ci si potrà immergere nella NFT art e nell’arte 3D.

# Il Cocoricò rimarrà il simbolo della musica elettronica

Credits: deerwaves.com
Cocoricò prima della chiusura

Non bisogna pensare, però, che il Cocoricò smetterà di essere il simbolo della musica elettronica. Infatti, il MUDI occuperà solo parte dello spazio della discoteca, la restante continuerà a essere la sala da ballo che tutti conoscono. L’iniziativa parte dall’idea di Enrico Galli e Antonella Bonicalzi, i proprietari del Cocoricò, insieme a Mike Pagliarulo, direttore artistico. Si tratta di un modo per risollevare quelle che erano le sorti della discoteca, sperimentando allo stesso tempo un nuovo luogo per la fruizione dell’arte. Il pubblico rimane lo stesso, chi vuole frequentare il locale, ma il Cocoricò permetterà ai suoi ospiti di abbracciare il mondo dell’arte, anche se non era quello che stavano cercando.

# Si vuole riscoprire il mondo della notte

Credits: zero.eu
MUDI

L’obiettivo del progetto è anche quello di riaccendere i riflettori sul mondo della notte. All’interno dello spazio museale saranno mostrate alcune foto storiche che fanno capire quanto, prima, il mondo della notte fosse molto più libero, al contrario d’oggi. Per questo, il Cocoricò vuole unire l’arte e la musica alle persone, in notti tutte da vivere!



Fonti: artribune.com

Continua la lettura con: La DISCOTECA di culto diventa la “cappella sistina” della STREET ART

BEATRICE BARAZZETTI

Leggi anche: Come si risolve il problema del PM10 nella pianura padana?

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

 

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.