Il CASALE che sembra fatto dal PALLADIO

Una singolare abitazione in piena campagna, caratterizzata da una architettura unica nel suo genere

Credits: 4000luoghi.re.it

Ci troviamo nei pressi di Reggio Emilia e qui sorge un casale conosciuto con il nome di Villa Levi. Maestosa e imponente, la residenza ha una lunga storia che merita di essere raccontata.

Il CASALE che sembra fatto dal PALLADIO

# La celebre cupola

Credits: bbcc.ibc.regione.emilia-romagna.it

Immersa nella natura di un vasto parco e circondata dagli alberi, Villa Levi nasce in questo luogo nel 1600, probabilmente con lo scopo di fungere da residenza estiva. Il suo aspetto, però, era completamente diverso da come lo conosciamo ora. Infatti, tra il 1790 e 1810, su commissione dei proprietari all’architetto Domenico Marchelli, si decise di aggiungere due edifici di servizio per l’alloggio del custode e la stalla. Poco dopo, nel 1830, un secondo architetto fu chiamato per rivedere l’aspetto della villa. Parliamo di Luigi Poletti e fu proprio lui a progettare l’elemento più caratteristico: una cupola metallica che si erge sopra all’edificio. Inoltre, diede vita a un colonnato circolare nel prospetto sud della villa.


# Influenze palladiane arrivate fino ai giorni nostri

Credits: wikipedia.org

Con gli ultimi ritocchi, Villa Levi ha ereditato delle influenze palladiane, derivanti dall’architetto rinascimentale Andrea Palladio. Nel suo stile di architettura, gli elementi tipici del linguaggio classico si fondono perfettamente con le esigenze riguardanti la posizione dell’edificio e le sue necessità funzionali. Il suo stile fece interessare la famiglia Levi alla villa, nel 1874, dalla quale oggi prende il nome. Ci furono poi altre famiglie a succedersi nella proprietà fino al 1971, quando fu acquistata dall’Università di Bologna per destinarla a sede del corso di Scienze della Produzione Animale. Al giorno d’oggi, l’Università ha deciso di dedicarla esclusivamente a laboratori e alla gestione dell’azienda agricola. In alcune occasioni, però, viene anche messa a disposizione per organizzare degli eventi. Si tratta, a tutti gli effetti, di un edificio che ancora oggi stupisce, ammalia e accoglie persone interessate all’arte e alla cultura.

Fonte: fondoambiente.it

Continua a leggere con: La VILLA CAPOLAVORO del Palladio (Video)

MATTEO GUARDABASSI



Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi contenuti e idee di altri senza citare la fonte 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.