“Villa Triste”, la casa degli orrori di zona Fiera

In via Paolo Uccello (MM Lotto), una traversa di via Monterosa, c’è villa Fossati. La sua storia è tragica

0
Villa Triste

In via Paolo Uccello (MM Lotto), una traversa di via Monterosa, c’è villa Fossati. La sua storia è tragica.

“Villa Triste”, la casa degli orrori di zona Fiera

Quando il passato riemerge dal futuro. Siamo in una delle zone più proiettate verso il futuro. Se si guarda verso Nord si vedono i grattacieli di CityLife che hanno trasformato il quartiere. Dall’altra parte della strada svetta l’ex sede del 24 ore costruita da Renzo Piano. Ma tra ville e grattacieli emerge un triste ricordo del passato. Si tratta di villa Fossati.

# Villa Fossati: da luogo di culto a villa degli orrori

Una residenza in stile neorinascimentale attaccata a quel che resta di un edificio religioso: la chiesa dedicata a San Siro alla Vepra, risalente al IX secolo dopo Cristo, considerata nel Medioevo la più importante chiesa della zona di Porta Vercellina.

Quel che resta della chiesa è l’abside della chiesetta, risalente alla metà del quindicesimo secolo, realizzata in stile gotico lombardo con elementi romanici. Il resto del complesso venne distrutto dai Pecchi, proprietari dell’area nel Seicento.

I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare
I resti dell’abside – Ph. @postoriservatoblog IG

Nei primi anni del Novecento fu dichiarata “monumento nazionale” e la famiglia Fossati, entrata in possesso della chiesa, la fece restaurare trasformandola in una residenza in stile neorinascimentale addossata ai resti dell’edificio religioso.

Abbandonata durante la seconda guerra mondiale, nell’agosto 1944 la sede di un reparto speciale della polizia repubblichina guidata da Pietro Koch. Venne chiamata “Villa Triste”: nei suoi sotterranei venivano torturati partigiani e antifascisti e si narra che le loro urla di dolore risuonavano fin sulla strada. 

# Ritorno al principio: sede di un convento

Al di sopra dei muri furono installati giri di filo spinato, e sulla facciata anteriore vennero collocati potenti riflettori che incutevano terrore tra i milanesi. Furono molti gli arrestati e i prigionieri torturati, tra questi anche il regista Luchino Visconti che racconterà in seguito la brutalità degli interrogatori. 

Alla fine della guerra la famiglia Fossati rinunciò ad abitarla e la donò alle suore Immacolate dell’Addolorata che la gestiscono ancora oggi. 

 

Fonte: Milano insolita e segreta di Massimo Polidoro (Jonglez editore)

Continua la letture con: le più belle ville di via Monterosa

MILANO CITTA’ STATO

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteI 7+1 segreti del Lambro: il maggiore e il più “limpido” dei fiumi di Milano
Articolo successivoIl “piccolo Cammino di Santiago italiano”: più corto ma più impegnativo dell’originale

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome