Le 5 città che hanno perso più TURISTI per il Covid: a Milano mancano 4 MILIONI di persone e un miliardo di incasso

Perdita di 34 milioni di turisti e 7 miliardi di incassi per le più importanti città d'arte. Milano si posiziona al quarto posto di questa classifica, subito dopo Firenze.

Le elaborazioni di Confesercenti illustrano uno scenario preoccupante per il turismo e le città d’arte italiane, con una perdita di 34 milioni di turisti e 7 miliardi di incassi per le più importanti città d’arte. A rimetterci soprattutto le imprese dei centri storici. Milano si posiziona al quarto posto di questa classifica, subito dopo Firenze.

Pubblichiamo estratti dell’articolo di “Sky Tg24” – Turismo, città d’arte vuote: da Venezia a Torino, ecco chi sta subendo di più la crisi


 Le 5 città che hanno perso più TURISTI per il Covid: a Milano mancano 4 MILIONI di persone e un miliardo di incasso

# Confersecenti stima 34 milioni di presenze in meno e 7 miliardi di incassi mancati nelle principali città d’arte

Città d’arte vuote a causa del Coronavirus ed economia italiana sempre più in crisi: a lanciare l’allarme è Confesercenti, su elaborazioni condotte sulla base delle previsioni di Tourism economics. Secondo Confesercenti a soffrire maggiormente sono le principali città d’arte quali Roma, Venezia, Firenze, Torino e Milano, che insieme valgono oltre un terzo del turismo italiano. Città che si apprestano a perdere nel 2020 quasi 34 milioni di presenze dall’estero, con conseguenze importanti per tutta l’economia locale, soprattutto per le imprese dei centri storici.

# Venezia al primo posto, Milano al quarto con quasi 1 miliardo di incassi in meno

Al primo posto tra le città che più di tutte risentono della crisi c’è Venezia: si prevede una diminuzione di 13,2 milioni di presenze. Un vero e proprio crollo che porterà a 3 miliardi di euro di spesa turistica perduta. Dopo Venezia è Roma la città più in crisi: le previsioni sono di 9,9 milioni circa di presenze in meno. Per la Capitale sono 2,3 i miliardi di euro che mancheranno nelle casse cittadine a causa dei viaggiatori sfumati. Al terzo posto c’è Firenze dove le perdite si attesteranno su -5 milioni di presenze. Nella città d’arte per eccellenza, si prevedono -1,2 miliardi circa di consumi.

Dopo Firenze c’è Milano dove la contrazione di presenze dovrebbe invece arrivare a sfiorare i 4 milioni. Per i consumi la riduzione del capoluogo lombardo sarà superiore ai 900 milioni di euro. Conclude la classifica delle prime 5 Torino, dove si stima un calo di oltre 800mila presenze. Nel capoluogo piemontese sono 186 milioni di euro che mancheranno per via dei turisti assenti.



Più in generale, lo stop dei visitatori causerà una perdita di 7 miliardi di euro circa di spese turistiche complessive, di cui 4,9 miliardi a carico del settore alloggio, della ristorazione e delle attività commerciali e dei servizi. Inoltre, la flessione dei turisti stranieri nelle città d’arte non viene compensata dagli italiani che hanno preferito mete balneari e borghi

# Il prolungamento dello stato di emergenza e conseguente quota costante di lavoratori in smartworking accentuerà la crisi: 250 milioni di euro di mancate entrate ogni mese per alloggio e ristorazione 

A tutto ciò va sommato il contributo negativo derivante dal permanere di una quota elevata di lavoratori ancora in smartworking: fino a fine anno, l’effetto del lavoro da casa farebbe perdere a queste imprese 1,76 miliardi di euro. Una quota destinata a non diminuire troppo fino alla fine dell’anno, visto il prolungarsi dello stato di emergenza e le incertezze complessive. In queste 5 città, che registrano oltre 6,5 milioni di occupati totali, Confesercenti stima un 13% di lavoratori agili, la cui assenza dai luoghi di lavoro sta causando la perdita di circa 250 milioni di euro al mese di spese per alloggio e ristorazione. “Il combinato disposto di frenata dei viaggiatori e allungamento del lavoro agile rischia di far saltare i sistemi imprenditoriali locali. Soprattutto quelli legati alla spesa turistica: dai ristoranti ai bar, fino ai negozi dei centri storici” ha detto Patrizia De Luise, presidente nazionale Confesercenti. “Si tratta di una situazione di gravità eccezionale, che richiede misure straordinarie“, aggiunge De Luise.

Fonte articolo originale: Sky Tg24

MILANO CITTA’ STATO

LA SCUOLA POLITICA DI MILANO CITTA’ STATO (Clicca per informazioni)

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su [email protected] (oggetto: ci sono anch’io)

Milano, cosa aspetti?

Milano Città Stato: l'unica strada per diventare una Città Mondo#milanocittastato #rinascimilano #rigeneralitalia #diciamosìalfuturo

Pubblicato da Milano Città Stato su Martedì 2 giugno 2020

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato