🛑 In Alto Adige il DPCM non vale: i RISTORANTI chiudono ALLE 22, CINEMA e TEATRI rimangono APERTI

Il presidente della provincia autonoma di Bolzano-Alto Adige Arno Kompatscher ha firmato un’ordinanza che ammorbidisce le regole restrittive previste dal nuovo DPCM per rallentare i contagi da Covid-19. Le differenze con il resto d'Italia

Credit: Instagram (@ek.photography_00)

Domenica 25 novembre, il presidente della provincia autonoma di Bolzano-Alto Adige Arno Kompatscher ha firmato un’ordinanza che rende meno stringenti le regole restrittive previste dal nuovo DPCM per rallentare i contagi da Covid-19. La cultura non si ferma, le attività ristorative rimangono aperte più a lungo: ecco le differenze con il resto d’Italia.

In Alto Adige il DPCM non vale: i RISTORANTI chiudono ALLE 22, CINEMA e TEATRI rimangono APERTI

Pubblichiamo articolo de “Il Post” – In Alto Adige i ristoranti potranno chiudere alle 22 e cinema e teatri potranno rimanere aperti


# Bar chiusi solo alle 20, ristoranti si fermano alle 22

Rispetto alle regole in vigore a livello nazionale, che prevedono la chiusura alle 18 per bar e ristoranti, in Alto Adige i bar dovranno chiudere alle 20 e i ristoranti alle 22, ma dalle 18 la somministrazione di cibi e bevande potrà essere effettuata solo al tavolo, con posti assegnati e un massimo di 4 persone per tavolo, ad eccezione dei familiari conviventi. Le nuove regole saranno in vigore dal 26 ottobre al 24 novembre.

Kompatscher ha spiegato che l’ordinanza prevede “alcuni adattamenti alla realtà locale in virtù dei margini di manovra che ci sono concessi dalla nostra autonomia e dalla legge provinciale sulla fase 2 dello scorso maggio“. L’ordinanza stabilisce anche il coprifuoco dalle 23 alle 5. In questa fascia oraria gli spostamenti al di fuori del proprio domicilio saranno possibili solo per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. Gli spostamenti dovranno essere motivati attraverso un’autocertificazione.

# Didattica a distanza al 50%, invece che al 75%. Cinema e teatri rimangono aperti

I servizi di trasporto pubblico di linea proseguiranno secondo gli orari previsti, ma con una capienza massima dell’80 per cento dei posti. A partire da mercoledì 28 ottobre, inoltre, in tutte le scuole superiori la didattica a distanza dovrà coprire almeno il 50 per cento delle ore di lezione, a differenza di quanto previsto dal nuovo DPCM che obbliga al 75 per cento di didattica a distanza. Ci saranno norme diverse anche per gli spettacoli: il DPCM stabilisce la chiusura di tutti i teatri, concerti e cinema, anche all’aperto, mentre l’ordinanza della provincia di Bolzano prevede che i cinema possano continuare ad essere aperti, ma con una capienza massima di 200 persone, così come potranno svolgersi gli spettacoli e le manifestazioni all’interno di teatri e sale da concerto.



Fonte articolo: Il Post

MILANO CITTA’ STATO

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul  #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong   #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

SOSTIENI MILANO CITTÀ STATO

Sostieni Milano Città Stato