L’ISOLA in Europa che ogni sei mesi cambia NAZIONALITÀ

Da palcoscenico delle storie amorose dei regnanti a unico caso al mondo di territorio che cambia periodicamente nazionalità. Questa la sua storia incredibile nel cuore d'Europa

Credits: touringclub.it

L’isola dei Fagiani era il palcoscenico delle storie amorose tra i Re di Francia e Spagna. A distanza di secoli la disputa di allora ha ancora ripercussioni molto bizzarre. 

L’ISOLA in Europa che ogni sei mesi cambia NAZIONALITÀ

# L’isola dei Fagiani. Francia e Spagna se la scambiano ogni 6 mesi

Credits: touringclub.it

Le enclavi sono territori di una nazione compresa in uno Stato ma appartenente ad un altro. Un esempio, riferito più in piccolo, è San Colombano al Lambro che fa parte della provincia di Milano pur essendo circondata interamente dalla provincia di Lodi. A livello nazionale abbiamo Monte Campione che appartiene all’Italia anche se è circondata dal territorio elvetico. L’isola dei Fagiani è una di queste, ma rispetto agli atri casi ha una caratteristica unica al mondo: ogni anno cambia due volte la nazionalità. Vadiamo come mai accada questo, ripercorrendo la sua storia. 


# Tra fidanzamenti, instabilità politica e nuova pace per merito del Re Sole e Maria Teresa d’Austria

Credits: skuola.net

L’isola dei Fagiani si trova sul fiume Bidasoa che marca la parte nord del confine tra Spagna e Francia. In passato veniva utilizzata come punto di ritrovo per gli incontri di diplomatici dei due Stati. Alla fine del sedicesimo secolo, quando i matrimoni erano sinonimo di alleanze, Enrico IV di Francia e Filippo III di Spagna si accordarono su un doppio fidanzamento celebrato sull’isola dei Fagiani. Dopo vari vicende di fidanzamenti, dame promesse in sposa e matrimoni, si arrivò all’instabilità politica quando nel 1618 iniziarono le ostilità tra Francia e Spagna, durante la Guerra dei Trent’anni. Nel 1659 grazie al fidanzamento tra Maria Teresa d’Austria e Luigi XIV (noto come Re Sole) si riuscì a raggiungere la pace tra i due Stati. 

# I due vicerè responsabili dell’isola che si alternano ogni sei mesi

Credits: tierra.it

Nel 1856 con il Trattato di Bayonne, ratificato poi nel 1901, Spagna e Francia si accordarono sulla condivisione della sovranità dell’isola per un periodo alternato di sei mesi ciascuno. Dal 1° febbraio al 31 luglio spetta alla Spagna, mentre dal 1° agosto al 31 gennaio è sotto la sovranità Francese. Non sono presenti sull’isola sindaci o governanti per motivi di tempistiche: per la Spagna a reggere il potere è il comandante della base di Hondarribia mentre per la Francia il responsabile è il comandante della base dell’Adour. Ai due responsabili è stato attribuito il titolo di “viceré“.

# L’isola dei Fagiani rischia di sparire, chi può salvarla?

Credits: wikipedia.org

L’isola, completamente disabitata anche per la mancanza di ponti, è lasciata a se stessa dove anno dopo anno la vegetazione cresce indisturbata. Con la bassa marea è possibile raggiungere l’isola a piedi anche se la polizia è pronta a impedirvi il passaggio. Sull’isola è presenta solo il monumento in memoria del Trattato dei Pirenei del 1861 che, con le acque del fiume che lentamente stanno erodendo l’isola, potrebbe sparire insieme all’isola. L’isola si può salvare, ma chi si accollerà i costi e i progetti? Spagna o Francia?



Continua la lettura con L’ISOLA delle ROSE: la favola della libertà che incantò l’ITALIA

MARCO ABATE

Riproduzione vietata a chi commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.


1 COMMENTO

  1. Monte Campione?!?! Montecampione è in provincia di Brescia, Campione d’Italia è exclave in territorio svizzero, ma non Montecampione.

Comments are closed.