L’incredibile storia del CASTELLO costruito da un SOLO UOMO

Scopriamo questa affascinante storia, come è fatto il castello e dove si trova

Credits viajandoentrerascacielos IG - Castillo de las Cuevas

Un sogno diventato realtà grazie a duro lavoro, perseveranza, pazienza e un pizzico di follia. Scopriamo questa affascinante storia, come è fatto il castello e dove si trova.

L’incredibile storia del CASTELLO costruito da un SOLO UOMO

# Il castello medievale costruito pietra su pietra

Credits nayako IG – Torre e merletti Castillo de las Cuevas

Serafin Villaràn nato nel 1935 a Cebolleros, nel Nord della Spagna, in provincia di Burgos, ha sempre avuto il sogno di realizzare un maniero. Senza conoscenze architettoniche e ispirandosi ai disegni dei castelli delle favole, nel 1978 compra un terreno e inizia a costruire poco alla volta il suo capolavoro. Utilizza cemento e pietre e sassi dei vicini fiumi Trueba e Nela, nonostante non siano i più adatti per le opere in muratura in quanto necessitano di molta malta, per trasformare il suo sogno in realtà.

# 20 anni per realizzare un sogno

Credits ec_viajero IG – Sommità Castillo de las Cuevas

L’uomo dedicò 20 anni della sua vita per realizzare il maniero da fiaba: Serafin ha lavorato tutti i fine settimana, nei giorni feriali era impegnato come saldatore in fabbrica, con perseveranza e pazienza per dar vita a un castello con uno stile tra medievale e moderno. Il Castillo de las Cuevas, “Castello delle Grotte” oggi domina in posizione panoramica sulla Sierra de la Tesla e dona notorietà alla piccola comunità attirando turisti da tutta la Spagna.   

# Cinque piani e una superficie di 300 mq

Credits viajandoentrerascacielos IG – Castillo de las Cuevas

Il castello si sviluppa su cinque piani, per una superficie di circa 300 mq, con al suo interno un bar/cantina al piano terra, un salone al primo piano e un forno al terzo per cucinare una grande quantità di cibo. A conferire al castello l’aspetto fiabesco sono le torri circolari e merlate, impreziosite dalle pietre arrotondate dei fiumi. Serafin non ha purtroppo potuto vedere l’opera ultimata, perché scomparso nel 1998, ma ci hanno pensato i suoi figli Yolanda e Luis ad investire annualmente i soldi necessari a terminarlo.

Oggi si può visitare gratuitamente, anche se sono gradite donazioni per sostenere gli ingenti costi di mantenimento, e non c’è alcuna intenzione di trasformare il castello in un’attività commerciale per non “sporcare” il sogno del padre.

 

Fonte: SiViaggia

Continua la lettura con: Le TORRI più STRANE del MONDO

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/