🛑 Il CORTILE della SETA si rifà il look

Tutti i dettagli della trasformazione

Credits Stefano Gusmeroli - Cortile della Seta 5

Il palazzo di fine ottocento rinasce dopo un periodo di apparente abbandono. Tutti i dettagli della trasformazione.

Il CORTILE della SETA si rifà il look

# Lo storico palazzo ottocentesco “Cortile della Seta” si rinnova

Credits Archiportale – Cortile della Seta

Il palazzo ottocentesco tra via Moscova e via Solferino denominato il “Cortile della Seta” si rinnova grazie alla riqualificazione ad opera dello studio Asti Architetti. Un tempo caserma della Cavalleria Napoleonica e poi panificio militare del Governo austriaco, nell’ottocento l’edificio fu trasformato nel “Cortile della Seta” e punto nevralgico per le trattative commerciali e di ritrovo di commercianti e artigiani. La riqualificazione ha coinvolto il fronte strada, la grande corte coperta e la nuova copertura vetrata dopo anni di apparente abbandono.


# I dettagli dell’intervento 

Oggetto della riqualificazione è stato “il blocco destinato ad ospitare uffici, a forma di corte, tipica degli edifici milanesi, con quattro livelli fuori terra ed uno seminterrato si è sviluppato in un continuo passaggio tra mantenimento e nuova costruzione, creando così un felice connubio tra vecchio e nuovo.” Il restyling ha permesso al “Cortile della seta” di rispondere ai requisiti NZEB (Nearly Zero Energy Building), utilizzando oltre il 50% di energia derivante da fonti rinnovabili ed ha ottenuto la certificazione LEED Gold. Le finestre fronte strada sono state ampliate e la geometria delle nuove vetrine studiate per preservare le caratteristiche originarie della facciata.

Sulla corte centrale è stata posta una nuova copertura vetrata, costituita da una scansione di shed di diverse dimensioni, ridefinendo l’ambiente con un nuovo assetto “da piazza coperta” e multifunzionale. La tipologia di copertura scelta consente una notevole illuminazione diurna e vuole essere una citazione dell’originaria funzione industriale di cui ne mantiene l’impostazione datata 1904. Gli ultimi due piani sono stati ridefiniti con un rivestimento continuo vetrato, realizzando “una vera e propria “lanterna” sulla città, staccandosi volutamente dal contesto storico sottostante e si presentano come un luogo di lavoro privilegiato: immerso nella luce, affacciato su Milano.” 

 



Fonte: Archiportale

Continua la lettura con: Il NUOVO MERCATO CENTRALE di Milano

FABIO MARCOMIN

Riproduzione vietata al sito internet che commette sistematica violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.