Anche MONZA punta in ALTO: 3 nuovi GRATTACIELI in arrivo

Monza lancia la sida allo skyline di Milano

Credits: il cittadinomb.it Progetto Monza

Verso l’infinito e oltre, direbbe il giocattolo Buzz Lightyear di Toy Story. Le città, ormai, stanno puntando tutte in alto, verso il cielo e l’infinito, e lo dimostrano con i loro nuovi progetti ed edifici. Questa volta è Monza che vuole cambiare il suo skyline e avvicinarsi a Milano con un progetto che prevede 3 nuovi grattacieli.

Anche MONZA punta in ALTO: 3 nuovi GRATTACIELI in arrivo

# Un progetto che punta al futuro

Credits: seietrenta.com
Quartiere San Fruttuoso prima del progetto

Progetti di riqualificazione di zone dismesse o in generale di aree che ne hanno bisogno sono all’ordine del giorno per Milano, ma anche per molte altre città. Anche Monza oggi vede il suo progetto per l’area di via Ticino a San Fruttuoso, lungo viale Lombardia. Ma tra progetto e realtà c’è di mezzo il mare. A Monza mettono già le mani davanti e dicono che l’iter durerà molto e, a essere ottimisti, si riuscirà a vedere il proprio progetto realizzato entro 5 anni. Tralasciando le pratiche burocratiche e sperando in un’effettiva realizzazione, Monza per ora mantiene il suo sogno e si proietterà verso il futuro con 3 nuovi grattacieli.


# 3 nuovi grattacieli

Credits: il cittadinomb.it
Progetto Monza

Il progetto per viale Lombardia e via Ticino è stato realizzato da Duccio Battistoni, progettista dello studio AB3 Architettura Battistoni Associati, e Sergio Franzoni, rappresentante della proprietà, la società Doma srl di Milano. Si prevede di cambiare il volto della città attraverso la realizzazione di tre torri: una di 20 piani da 68 metri, una di 16 da 58,30 metri e una di 13 da 43,60 metri. I 3 grattacieli saranno affiancati da due edifici commerciali, rispettivamente da uno e tre piani, e si inseriranno tutti attorno ad una piazza pubblica di 2500 metri quadri. Seppure Monza si proietta versa l’alto, la cime della città rimarrebbe ancora il campanile del Duomo, che domina Monza con i suoi 75 metri.

# Gli obiettivi del progetto

Credits: il cittadinomb.it
Rendering Progetto grattacieli

Il progetto è stato ben studiato e andrebbe a modificare una zona ormai degradata e dismessa da decenni, come è quella del quartiere San Fruttuoso e dell’ex deposito lungo via della Taccona. Monza sta cercando di diventare sempre più accessibile e lo prova il cercare di connettersi sempre più a Milano, anche con l’arrivo delle linee M1 e M5. Con questo piano, San Fruttuoso risulterebbe connesso al resto della città grazie alla piazza pubblica che si andrà a creare. La proprietà che andrà riqualificata occupa 44 000 metri quadri e si estende per viale Lombardia, via del Tiro a segno, via Ticino e via della Taccona; ma gli interventi edilizi, proiettandosi verso l’alto, occuperanno solo il 6,75% dell’area, creando una zona di ampio respiro.

Fonti: ilcittadinomb.it



Continua la lettura con: 🛑 CityLife allo sprint finale: via libera all’ULTIMO GRATTACIELO. Ecco come sarà lo SDRAIATO

BEATRICE BARAZZETTI

Riproduzione vietata ai siti internet che commettono violazione di copyright appropriandosi contenuti e idee di altri senza citare la fonte.

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.