Come capire la personalità da una mail

personalita milanese mail

Nell’era di Facebook e di WhatsApp c’è ancora chi comunica via mail. Ecco come capire la personalità di chi ci scrive da pochi, semplici indizi.

#1. Quello che scrive tutto nell’oggetto

O è artista o va di fretta.

#2. Quello che manda tutte le mail intitolate sempre allo stesso modo

Il pigro.

#3. Quello che non scrive niente nell’oggetto

L’uomo che non scrive mai. Pensa che l’oggetto sia una cosa fisica. E’ sicuro di sé.

#4. Quello che condivide qualsiasi cosa

L’egocentrico. Pensa che tutti abbiano i suoi stessi interessi.

#5. Quello che scrive mail infinite

Il romanziere mancato. Per chiedere un preventivo ti manda la sua bibliografia.

#6. Quello che risponde a monosillabi o con punti di domanda o esclamativi

L’uomo primitivo. Si nutre di bacche e radici, gira nudo in casa.

#7. Quello che mette un sacco di gente in Cc

L’insicuro. Per ogni cosa ha bisogno dell’approvazione di un milione di persone

#8. Quello che ti mette in Ccn

L’infiltrato. Ti vuole far sapere le cose senza che nessuno sappia che ci sei. Oppure si vergogna di te.

#9. Quello che ti riempie di allegati

Il disinformatico. Quello per cui un mega byte o un giga byte sono la stessa cosa.

#10. Quello che firma con le giff

L’eterno compagno di classe. Farebbe qualunque cosa per strappare un sorriso.

#11. Quello che usa le emoticon

Il confuso. Non capisce la differenza tra email e wazzapp

CONDIVIDI
Articolo precedenteI 10 migliori mercati di Milano: cosa si trova e quando visitarli
Articolo successivoLa panchina ricavata da un albero caduto: dal Brasile un nuovo filone per l’eco-design
Ivan Salvagno
Milanese. Cittadino civico, indipendente, visionario, "spronatore" di politici. Imprenditore nel settore informatico dal 1997. Seguo con interesse la vita della nostra Milano, partecipo ai comitati (veri) e alle battaglie civiche della nostra Milano. Osservatore / conoscitore / critico dei lavori pubblici, specialmente su Milano; inclusi scempi, sprechi di denaro pubblico e superfetazioni edilizie. Ideatore della pagina https://www.facebook.com/noasfaltoit/ per la sistemazione e tutela del pavé. Pretendo una Milano etica e nuovamente Capitale Morale. Vivibile, ecologica, innovativa ma che rispetti e valorizzi il passato. Sostenitore della città d’acqua; dalla riapertura dei Navigli alla riattivazione delle rogge e sempre nel rispetto della bellezza originaria dei luoghi. Amante dell’eleganza milanese, difensore dei "classici": pavé, tram, case di ringhiera, cascine, etc.