Costruito per trasportare i marmi del Duomo (IMMAGINI)

Via Laghetto si chiama così perché per quasi 500 anni le acque del Naviglio vi formavano una darsena che aveva un piccolo porticciolo. Lo fece costruire Gian Galeazzo Visconti nel 1388 per accogliere i blocchi di marmo provenienti dal lago Maggiore, il marmo di Candoglia, necessari per la costruzione del Duomo, che arrivavano dal Ticino attraverso il Naviglio Grande.

laghetto1

A quei tempi l’unica darsena era il laghetto di Sant’Eustorgio perchè quella che ancora esiste a Milano è stata realizzata solo nei primi anni del 1600, in epoca spagnola. Col passare degli anni il trasporto dei blocchi di marmo non servì più e il piccolo porticciolo di via Laghetto venne usato per il trasporto della legna e del carbone, finchè si decise di interrare lo specchio d’acqua per motivi igienici. Questa scelta fu presa da Francesco Giuseppe, imperatore d’Austria, nel 1857, quando durante una visita in città si accorse che zanzare e cattivi odori che si alzavano dal laghetto creavano fastidio ai degenti dell’ospedale Ca’ Grande che sorgeva nei pressi e che oggi ospita la Statale.

laghetto3