Santiago Sierra in “Mea Culpa” al PAC

La prima antologica dedicata all'arte dissidente di Santiago Sierra. Inaugura al PAC, "Mea Culpa". E dovremmo andare tutti a visitarla.

L’arte è sempre stata un veicolo di messaggi provocatori.

Spesso di denuncia, certi slogan si caratterizzano per passare inosservati, perché spesso a falra da padrone, sono le opere mastodontiche che li contengono.

Lo sa bene Santiago Sierra: artista spagnolo contemporaneo, impegnato da sempre nella lotta contro il lavoro becero e lo sfruttamento scriteriato.

Lo sa talmente bene, Santiago Sierra, che le sue opere sono parlanti.

Risale infatti al 2009 il progetto Attempt to build four 100×100 cm sand cubes: una costruzione di quattro cubi di sabbia di un metro quadro ciascuno.

Commissionata sotto compenso, l’opera è provocatoria, è aggressiva nel suo essere controtendenza ed è inquietante.

Inquietante perché pone l’accento e tradisce la filosofia di Sierra.

Una filosofia anticapitalista.

La mostra antologica che inaugura oggi al PAC parla proprio di questo:

Ci sono tutti i simboli della polemica di Sierra.

Non manca nulla perché il quadro sia complato.

Ci sono i trenta lavoratori assunti per riempire cento pagine di un quaderno con la scritta «El trabajo es la dictatura».

Ci sono le undici donne indiane pagate per imparare a memoria la frase «I am being paid to say something, the meaning of which I don’t know».

E c’è molto altro.

Ritorna a farsi vivo il PAC, dopo un lungo silenzio e qualche sparuto tentativo di avvicinare il pubblico ai suoi spazi.

Dopo l’ultimo con la lectio magistralis sui Sette Savi di Fausto Melotti, il PAC ritorna in grande stile.

Bentornato PAC, benvenuta primavera.

SCOPRI l’evento

Vuoi saperne di più?

Registrandoti su Spotlime, l’app che seleziona i migliori eventi di Milano, riceverai un promemoria dell’evento e potrai rimanere sempre aggiornato su questo e tutti gli eventi simili in città.

Inoltre, prenotandoti dall’app e partecipando agli eventi, riceverai un vantaggio esclusivo.

SCOPRI l’app

CONDIVIDI
Articolo precedenteLe novità del Fuorisalone 17: “Il mondo saprà che siamo i migliori al mondo”
Articolo successivoQuando e perchè i navigli vennero coperti
Redazione di Spotlime
Spotlime è l'applicazione per scoprire i migliori eventi nelle principali città italiane. Spotlime è semplice e intuitiva: gli eventi presenti sono suddivisi per categorie, per data e vi è anche una mappa che geolocalizza ogni locale. Un team di content editor seleziona quotidianamente i migliori aperitivi, concerti, mostre, discoteche, e non solo. Tramite l’app, gli utenti possono scegliere gli eventi che più rispecchiano i loro gusti, ma anche prenotarsi direttamente e ricevere vantaggi esclusivi (ingresso gratuito, sconti, drink omaggio, saltacoda). I locali e gli organizzatori di eventi possono utilizzare l’app per aumentare la propria visibilità online, farsi conoscere dal pubblico più adatto e aumentare i propri clienti. Al momento è attiva a Milano, Roma, Firenze, Bologna Napoli, Torino, Bari, Catania, Genova, Padova e Palermo.