Gli GNOMI del Polesine

C’era una volta, in un paese lontano lontano, una terra abitata da gnomi…

Credits: @ Gli Gnomi del Polesine (FB)

C’era una volta, in un paese lontano lontano, una terra abitata da gnomi… No, non è l’inizio di una storia per bambini, ma pura realtà. Gli gnomi esistono, e sono tra noi! O, meglio, sono in Polesine. Vi ho incuriosito? Continuate a leggere! 

Gli GNOMI del Polesine

A chi non piacevano le favole e i racconti di fantasia, da bambini? A me, per esempio, piacciono ancora adesso. Potete immaginare quanto fossi meravigliata nello scoprire che in Polesine è possibile entrare in contatto con gli gnomi. Si, avete letto bene.


Ma partiamo dall’inizio… 

Credits: @ Gli Gnomi del Polesine (FB)

 # Il Polesine 

Se siete amanti della natura e conoscete un po’ la geografia, avrete senza’altro sentito parlare del Polesine: una terra dominata dall’acqua che si identifica prevalentemente con la provincia di Rovigo, e che è situata tra il basso corso del Po e dell’Adige.

Credits: @ lendinara.italiani.it

I paesaggi quindi non potrebbero essere più vividi e rigogliosi, tra gole, boschi, e valli verdi, incastonate in un territorio che tramanda anche la cultura del suo popolo, con chiese, musei, palazzi storici come Villa Badoer, un’altra delle opere d’arte nate dal genio del Palladio. 



Credits: @ Lorenzo Patoia (iStock)

Vi starete chiedendo che cosa c’entrino gli gnomi in tutto questo… Beh, allora continuiamo il nostro percorso… 

Credits: @ Veneto Segreto

# Gli Gnomi del Polesine

Non tutti sanno che, oltre a paesaggi incantevoli e opere d’arte invidiabili, il Polesine può vantare anche una leggendaria e corposa comunità di gnomi, piccole creature operose che salvaguardano l’ambiente, aiutando a mantenerlo pulito e a trasmettere l’amore per la natura. Ma chi sono questi gnomi? 

Credits: @ Gli Gnomi del Polesine (FB)

Si tratta di un progetto che prende origine dalla grande passione per la montagna e per l’intaglio di gnomi di legno. Gli Gnomi del Polesine nascono quindi dal bisogno di rafforzare l’identità del polesani e di permettere alle tradizioni folkloristiche locali di essere conosciute e riconosciute ovunque. Per questo, gli Gnomi del Polesine si inseriscono perfettamente nel territorio circostante. 

Credits: @ Gli Gnomi del Polesine (FB)

# La storia degli Gnomi

Per capire come mai gli gnomi sono così cari a queste terre, bisogna scavare in fondo nella storia della città di Rovigo, e per conoscere la storia che avvolge di fascino la città di Rovigo, bisogna arrivare fino a Carlo Magno. 

Credits: @ Gli Gnomi del Polesine (FB)

La leggenda ha origine nel racconto “La regina e il Giardino Segreto”, raccontata direttamente dalla voce dell’attrice Francesca La Malfa sui canali social degli Gnomi. In questo racconto, si dice che Ildegarda, moglie di Carlo Magno, vagando per quelle incantevoli terre rimase affascinata dal profumo di un roseto selvatico, e vi si addentrò. Qui la Regina incontra Rodigi, uno gnomo, che la aiuta ad attraversare il roseto impedendo che ella si punga o ferisca in alcun modo, godendo solo del meraviglioso profumo dei boccioli. 

# Chiamali per nome

Gli gnomi sono tutti accomunati dal bisogno di interagire con la loro terra, di proteggerla e di valorizzarla. Come le persone, però, hanno interessi, passioni, caratteri diversi. E nomi. Si, perché gli gnomi non sono tutti uguali! 

Credits: @ Gli Gnomi del Polesine (FB)

Il primo gnomo è Policino che viene dalle montagne, poi ci sono Caligo, Viridio, Filistino e tanti altri ancora, e tutti hanno particolarità diverse e speciali. A Filistino piace l’acqua, a Brina e Galaverna nascondersi tra le foglie fresche al mattino.

Credits: @ Gli Gnomi del Polesine (FB)

Ma gli Gnomi del Polesine sono anche paladini dell’ambiente e della tua protezione: sono molti infatti gli eventi organizzati—e molti ancora quelli in progetto per il futuro—proprio grazie alla collaborazione di questi piccoli tesserini dall’aspetto fiabesco, che attirano l’attenzione e interrompono la routine. Forse è quello che serve, per spegnere il pilota automatico e accorgerci di dove stiamo andando, e di come lo stiamo facendo. Esperio e Viridio hanno dato il buon esempio ad Artessura di Adria cimentandosi nella raccolta differenziata per sensibilizzare tutti a rispettare l’ambiente. 

Credits: @ Gli Gnomi del Polesine (FB)

E se volete conoscere gli altri eventi e fare amicizia con questi simpatici gnometti, seguiteli sulla pagina Facebook ufficiale degli Gnomi! 

Fonte: .ItRovigo, Polesine Tourism

Continua la lettura con: I 5 LUOGHI più STRANI d’Italia

GIADA GRASSO 

Riproduzione vietata ai siti internet che commettono violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

🍾 ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social

Le città più internazionali e aperte al mondo sono delle città stato come #Amburgo #Madrid #Berlino #Ginevra #Basilea #SanPietroburgo #Bruxelles #Budapest #Amsterdam #Praga #Londra #Mosca #Vienna #Tokyo #Seoul #Manila #KualaLumpur #Washington #NuovaDelhi #HongKong #CittàDelMessico #BuenosAires #Singapore

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità. 


Articolo precedente🛑 Il NUOVO LOOK del POLICLINICO con suite e giardini sui tetti
Articolo successivo7 curiosità che rendono il SETTE il numero magico di ROMA
Giada Grasso
Classe 1987, nasco a Catania, vivo a Venezia, e parlo toscano. Per riscattare una parlantina alquanto solida, mi laureo in Comunicazione e mi specializzo in Scienze del Linguaggio. Mi piace viaggiare, anche e soprattutto con la mente, e spaziare tra i più disparati interessi: canto, continuo a studiare lingue che mi stimolino, programmo, leggo libri di neuroscienze e sociologia, medito nel tempo libero, fotografo quando trovo la luce colpire gli oggetti nel modo giusto, pettino una gatta che non vuole saperne di essere acconciata.