M5: 7 curiosità che forse non sai sulla metro dell’Expo

La linea costruita per Expo 2015 presenta caratteristiche che la rendono unica. Non solo a Milano

0
Ph. @flaneur_76 IG

La M5 è stata inaugurata per intero tra l’inizio e la fine di Expo2015. Scopriamo 7 cose che forse non conosci sulla linea lilla. Foto cover: @flaneur_76 IG

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Ti aspettiamo

M5: 7 curiosità che forse non sai sulla metro dell’Expo

#1 La linea più profonda di Milano

Credjts: metroxmilano.com – Scale mobili Lotto M5

Le sue gallerie si trovano leggermente più in basso di quelle della linea gialla. a una media di 15-17 metri sotto la superficie. Le stazioni più profonde sono Garibaldi a -20 metri e Lotto che scende di 25 metri, che ne ha fatto la stazione più profonda tra le linee in esercizio, fino all’apertura della linea M4 quando è stata superata da Dateo.

Leggi anche: Le fermate della METRO più PROFONDE a Milano e nel mondo

#2 La prima metropolitana driverless di Milano (ma non d’Italia)

credit: discoradio.it

La lilla o M5 è la prima linea driverless di Milano, aperta in tutti i suoi 13 km e 19 fermate nel 2015, a cavallo tra l’inizio e la fine dell’Expo. Il primato italiano spetta a Torino che ha inaugurato la linea M1 nel 2006, anche se con sistema aventi ruote di gomma, a seguire Brescia nel 2013 con gli stessi treni utilizzati dalla linea milanese.

I Libri di Milano Città Stato a casa tua: scopri come fare

#3 È l’unica linea a non passare per il centro città

La linea M6 con le varianti previste nel PUMS
La linea M6 con le varianti previste nel PUMS

La linea M5 sia oggi, che in futuro, rimarrà l’unica linea a non passare per il centro. Infatti, oltre alla M1, M2, M3 e M4, anche l’ipotetica M6 con orizzonte post 2030 dovrebbe transitare per il centro città.

#4 Il suo tracciato doveva essere suddiviso in due linee diverse

Credits: metroricerche/Comune di Milano

Nel dossier iniziale delle opere previste per Expo2015 il tracciato attuale della linea era stato ipotizzato su due linee differenti. La M5 tra Bignami e Garibaldi FS e la M6 da Garibaldi Fs fino allo stadio di San Siro. In seguito si optò per unire tutto in unica e linee e fu necessaria la riprogettazione del nodo della stazione Garibaldi, uno dei più complicati in assoluto: qui la M5 passa sotto la ferrovia e poi sopra la linea M2.

#5 È la sola linea senza un deposito

Credits marco.colombini77 IG – Deposito Atm San Donato

Tutte le linee metropolitane in esercizio a Milano hanno almeno un deposito per i convogli, anche per la M4 è già stato realizzato, tranne la linea M5 in quanto non previsto dal progetto. È presente solo un impianto di officina situato nei pressi del capolinea di Bignami che può ospitare un numero limitato di treni. Questo limita la frequenza ad massimo di un treno ogni 150 secondi invece di 75. 

#6 Sarà la prima metro a collegare due province diverse

Credits: Urbanfile – M5 fino a Monza

Nel 2030, se sarà rispettato il programma dei lavori, la linea M5 raggiungerà il Polo Istituzionale di Monza, diventando la prima linea metropolitana italiana a collegare due province differenti, la Città Metropolitana di Milano e la Provincia di Monza Brianza.

Leggi anche: La M5 va oltre SAN SIRO: pronto lo STUDIO di FATTIBILITÀ per l’estensione di 11 chilometri

#7 È l’unica linea con le stazioni brandizzate e con lo sponsor nel nome

Credits: well360.it – Stazione Tre Torri

La linea lilla è l’unica delle linee in esercizio con stazioni brandizzate e sponsorizzate in modo strutturale. Da Ponale “Prysmiam Group” a Garibaldi “Nissan” fino a San Siro Dazn. La stazione di Citylife è quella dopo la presenza dello sponsor è più estesa, ricoprendo tutte le pareti della stazione da un lato Allianz e dall’altro Generali, rispettivamente tenant della Torre Isozaki e della Torre Hadid.

Leggi anche: Scendiamo a Nissan o a Dazn? Le 5 (+1) fermate sponsorizzate della METRO

Continua a leggere con: M3: 7 CHICCHE che forse non sai sulla METRO dei MONDIALI 

FABIO MARCOMIN

Milano città stato è anche su Youtube: clicca qui per il canale con i video su Milano. Ti aspettiamo

Clicca qui per il libro di Milano Città Stato

Clicca qui per la guida: 50 LUOGHI ALTERNATIVI da vedere in ITALIA almeno una volta nella vita

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/


Articolo precedenteLe parole più incomprensibili del milanese
Articolo successivoLa più grande metropolitana del mondo avanza: le nuove linee e il futuro da fantascienza
Fabio Marcomin
Giornalista pubblicista. Laurea in Strategia e Comunicazione d’Impresa a Reggio Emilia. Il mio background: informatica, marketing e comunicazione. Curioso delle nuove tecnologie dalle criptovalute all'AI. Dal 2012 a Milano, per metà milanese da parte di madre, amante della città e appassionato di trasporti e architettura: ho scelto Milano per vivere e lavorare perché la ritengo la mia città ideale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome