I DUE progetti RIVOLUZIONARI della METRO di MILANO mai realizzati

Una rete di 10 metro con una linea circolare sopraelevata di 57km e la "metropolitana ambrosiana". Scopriamo quali erano e quando si sarebbero potute realizzare

Progetto 1942

Prima di arrivare alla rete metropolitana come la conosciamo oggi, sono stati molti i progetti ipotizzati, due di questi sarebbero stati allo stesso rivoluzionari e forse impossibili da realizzare nell’epoca in cui sono stati pensati. Scopriamo quali erano e quando avrebbero potuto inaugurare.

I DUE progetti RIVOLUZIONARI della METRO di MILANO mai realizzati

#1 Il primo progetto: 10 linee di cui una sopraelevata circolare di 57 km, 8 linee radiali dal Duomo e una linea circolare sotterranea

Progetto del 1942 basato sull’impostazione del primo datato 1905- Sottolimilano.it

Il primo progetto di rete metropolitana a Milano fu realizzato nel 1905 dall’Ing. Baldassarre Borioli e contava un totale di 10 linee per un’estensione di oltre 100 km. L’infrastruttura principale doveva essere un anello ferroviario a una distanza media dal Duomo di 9 km e lungo 57 km, corrispondente all’attuale sistema di Tangenziali.


Per realizzarla si prevedeva un riordino della rete ferroviaria con la demolizione di tutte le stazioni esistenti e il loro spostamento sul nuovo anello. La linea circolare sopraelevata avrebbe avuto 8 stazioni principali, su cui si attestavano tutte le direttrici provenienti dall’Italia e dall’Europa. Da piazza del Duomo sarebbero partite 8 linee radiali di ferrovia sotterranea elettrificata lunghe tra i 9 e i 10,5 km in direzione delle stazioni della linea circolare per un totale di 80 fermate e a questa si sarebbe aggiunta una seconda linea circolare sotto la Circonvallazione dei Bastioni Spagnoli che avrebbe fatto da interscambio con le linee radiali.
In questo modo si sarebbe risolto il problema del nodo ferroviario di Milano tuttora esistente. Lo stop imposto dal fascismo, le difficoltà di ottenere i finanziamenti e di avere 8 capolinea sotto piazza del Duomo hanno definitivamente sbarrato la strada al progetto.

Leggi anche: Breve storia della METRO milanese: dal primo progetto di inizio ‘900 alla linea 5 (costruita prima della 4)

#2 La “metropolitana ambrosiana”: Monza-Pavia passando per il Duomo 

Linea Monza-Duomo-Pavia

Il fermo imposto dal regime e la crisi economica del 1931 fece dimenticare qualsiasi ipotesi da parte del Comune di Milano di costruire un sistema di metropolitana, anche con i progetti successivi a quello presentato agli inizi del ‘900. Fu solo nel 1937 che la discussione si riaccese, complice l’inizio dei lavori per la metropolitana di Roma, quando i gerarchi milanesi proposero la “metropolitana ambrosiana”: una linea con partenza da Monza, che attraversasse Milano passando da piazza del Duomo con capolinea a Pavia, per una lunghezza superiore ai 60 km. L’idea non si tradusse mai in un reale progetto, ma sarebbe stata forse una delle linea più lunghe al mondo.



Continua le lettura con: La METROPOLITANA più PROFONDA del MONDO: l’unica che non ha nomi di luoghi alle stazioni

FABIO MARCOMIN

copyright milanocittastato.it

Riproduzione vietata al sito internet che commette violazione di copyright appropriandosi di contenuti e idee di altri senza citare la fonte 

Se vuoi collaborare al progetto di Milano Città Stato, scrivici su info@milanocittastato.it (oggetto: ci sono anch’io)

ENTRA NEL CAMBIAMENTO: Ti invitiamo a iscriverti alle nuove newsletter di milanocittastato.it qui: https://www.milanocittastato.it/iscrizione-newsletter/
Ti manderemo anche notizie che non pubblichiamo sui social. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato

Il nostro sogno per l’Italia? Un’Italia federale, con forte autonomia per le aree urbane e i territori omogenei. Un Paese che premi il fare rispetto al non fare, con una forte propensione all’innovazione, che valorizzi le sue eccellenze distintive e che miri a essere sempre migliore, mettendo al centro il cittadino libero e responsabile verso la comunità.